www.archive-org-2013.com » ORG » G » GAIOLA

Choose link from "Titles, links and description words view":

Or switch to "Titles and links view".

    Archived pages: 114 . Archive date: 2013-11.

  • Title: Centro Studi Interdisciplinari Gaiola onlus
    Descriptive info: .. Presentazione.. Chi siamo.. Oggetto Sociale e Finalità.. Contatti.. Come raggiungerci.. Mappa A.. M.. P.. Gaiola.. Brief presentation.. Ricerca.. Monitoraggio Biologico.. AMP.. Analisi Geoarcheologiche.. Analisi Fitosociologiche.. Rilievo Cavità Costiere.. Progetto Cormorano.. Progetto.. Primula Palinuri.. Pubblicazioni e Convegni.. Divulgazione.. Progetto Scuola.. Progetto Università.. Visite Guidate.. Mostra Il Mare dove finisce il Dolore.. Un Mare di Vita.. un Mare di Storia.. Itinerari Via Terra.. Itinerari Via Mare.. Itinerari.. Nel.. Mare.. Itinerari Integrati Terra e Mare.. Altri Itinerari.. Iscriviti alla NEWSLETTER!.. Inserisci la tua email.. Riceverai un messaggio di conferma.. Siti Amici.. Aree Marine Protette.. Enti Convenzionati:.. NEWS.. 01/10/2013.. Corsi di EcoDiving - Autunno 2013.. Ottobre-Novembre 2013.. Conoscere e rispettare l’universo marino attraverso una subacquea etica.. In partenza i Corsi OPEN WATER DIVER, ADVANCED O.. W.. D.. , EFR e RESCUE.. Leggi.. 06/09/2012.. Pausilypon Suggestioni all'Imbrunire.. Settembre - Ottobre 2013.. Natura, Archeologia, Musica e Teatro al Parco Archeologico del Pausilypon.. 20/07/2013.. Gaiola Kayak Day 2013.. Sabato 27 Luglio 2013.. Raduno Kayak in difesa del CUORE del Mare di Napoli.. 08/07/2013.. VIAE PER MONTES EXCISAE.. Luglio 2013.. Gallerie sotterranee fra Puteoli e Neapolis - Visita guidata integrata alla Crypta Neapolitana e alla Grotta di Seiano, due straordinarie opere del genio ingegneristico romano, realizzate nel I secolo a.. C.. 01/05/2013.. Il Maggio della Gaiola 2013.. Maggio 2013..  ...   di Napoli.. 12/10/2012.. (Ri)Percussioni marine.. Sabato 20 Ottobre 2012.. Diamo voce al grido di dolore del nostro Mare.. 01/10/2012.. Stage di Ecologia Marina.. 9 - 10 Ottobre 2012.. Stage di Ecologia marina nell'Area Marina Protetta Parco Sommerso di Gaiola in collaborazione con l'Associazione Italiana Scienze Ambientali.. 19/09/2012.. Gaiola e Pausilypon tra le Eccellenze campane delle Giornate Europee del Patrimonio 2012.. 29 - 30 Settembre 2012.. Uno Sguardo nel blu e Pausilypon in bicicletta , due itinerari tra il Parco Sommerso di Gaiola ed il Parco Archeologico del Pausilypon, inseriti nelle Giornate Europe del Patrimonio 2012.. -.. Archivio NEWS -.. ~ I Mari di Napoli ~.. Progetto didattico per le Scuole.. -.. Corsi -.. - Laboratori didattici.. - Visite Guidate.. Tra terra e mare.. alla scoperta della.. Pausilypon Imperiale.. Il Battello a visione subacquea.. del Parco Sommerso di Gaiola.. Snorkeling.. e.. Diving.. alla scoperta dei fondali del Parco Sommerso di Gaiola.. Una palestra per le.. Scienze del Mare.. Tirocini.. Stage.. Corsi.. Volontariato e.. Tutela Ambientale.. Aiutaci a difendere il nostro mare!.. Dona il.. 5 X mille.. al CSI Gaiola onlus.. Scopri come.. Il CSI Gaiola onlus è.. Centro Nazionale Formazione AIGAE.. Il CSI Gaiola onlus aderisce all'AIOSS.. Partner ufficiale MedPAN (Mediterranean Protected Areas ).. ©2009 Centro Studi Interdisciplinari Gaiola onlus - All rights reserved..

    Original link path: /
    Open archive

  • Title: Il C.S.I. Gaiola onlus
    Descriptive info: Il C.. S.. I.. Gaiola onlus nasce nel 2004 come naturale evoluzione di un progetto di ricerca scientifica, iniziato nel 2001, denominato “Analisi territoriale per una gestione integrata della fascia costiera di Posillipo”, svolto presso la cattedra di Ecologia del Dipartimento di Scienze per l’Ambiente dell’ Università di Napoli “Parthenope”, nel tentativo di proporre uno strumento di riferimento per intraprendere un serio Piano di gestione, salvaguardia e riqualificazione del patrimonio naturale e storico-culturale della fascia costiera di Posillipo.. Questa costa, infatti, benché anch’essa profondamente ferita rispetto al passato da un’urbanizzazione scriteriata che, a partire dal secondo dopoguerra, ha completamente stravolto la fascia costiera creando un continuum urbanizzato che si estende dal Comune di Castellammare fino al Golfo di Pozzuoli, è ancor oggi tale da regalare scorci di rara bellezza sicuramente inaspettati ed avulsi dal contesto.. I costoni rocciosi e le alte falesie di tufo giallo modellate dal mare, dalla pioggia e dal vento, unite ai colori della macchia mediterranea, conferiscono a questo paesaggio un colpo d’occhio maestoso che da sempre ha incantato i popoli che qui si sono succeduti e le cui tracce sono ben visibili lungo tutta la costa sopra e sotto il livello del mare.. Accanto al valore paesaggistico e storico-archeologico di estrema rilevanza, soprattutto se rapportato al contesto geografico e sociale della città di Napoli, vi è sicuramente il valore naturalistico dell’area, rappresentato sia dalla costa emersa che racchiude in sé tutte le caratteristiche floristiche e faunistiche dell’ habitat di scogliera, sia dei fondali marini antistanti che, nonostante un forte depauperamento delle risorse dovuto a decenni di sfruttamento indiscriminato e cattiva gestione, ospitano ancora un elevato numero di popolamenti animali e vegetali che ricoprono di vita,  ...   valorizzazione delle risorse naturalistiche e storico-archeologiche della costa di Posillipo mediante un’attenta attività di divulgazione delle proprie conoscenze attraverso mostre, convegni, seminari, visite guidate e corsi di educazione ambientale nelle scuole, instaurando un proficuo rapporto di collaborazione con l’Ente gestore dell’Area Marina Protetta “Parco Sommerso di Gaiola” che a partire dal 2006 è sfociato nella stipula di una convenzione (prot.. n.. 38615 del 19/12/05) per la divulgazione e valorizzazione delle risorse naturalistiche ed archeologiche dell’Area Marina Protetta.. Il CSI Gaiola collabora inoltre con la Stazione Zoologica Anton Dohrn, il CNR e, dal 2006, è Ente convenzionato con l’Università Parthenope e Federico II di Napoli per attività di ricerca e formazione nei settori delle Scienze del mare.. Si avvale per le attività in mare di attrezzature e mezzi nautici propri ed usufruisce di una propria sede operativa presso il Centro Visite dell’Area Marina Protetta “Parco Sommerso di Gaiola”.. Oltre alla gestione del Centro Visite d'intesa con l'Ente Gestore gestore il CSIGaiola svolge attività di controllo ed informazione in mare contro gli abusi perpetrati ai danni del Parco e, a partire dal 2007, attività di monitoraggio subacqueo.. Questa bellissima quanto inconsueta costa con la maestosa baia di Trentaremi ed i piccoli Isolotti della Gaiola, custodi gelosi di storia, miti e leggende, per noi non rappresenta soltanto il simbolo di ciò che la natura ha regalato di meraviglioso a questa terra, ma anche il simbolo di tutti quei luoghi il cui valore naturalistico, paesaggistico o storico-archeologico sia poco valorizzato, tutelato e/o a rischio perché poco conosciuto, per cattiva gestione del territorio o per altre cause contingenti.. Sullo studio, la salvaguardia e la valorizzazione di questi “patrimoni dimenticati” è incentrato il lavoro del C..

    Original link path: /Il%20C.S.I..htm
    Open archive

  • Title: CSIGaiola: Staff e Collaboratori
    Descriptive info: Dott.. Maurizio Simeone.. Laureato in Scienze Ambientali Marine presso la cattedra di Ecologia dell’Istituto Universitario Navale di Napoli, svolge da molti anni attività di ricerca e divulgazione scientifica applicata all’ambiente marino-costiero.. Dal 2003 ad oggi ha portato avanti diversi studi, sia in ambito naturalistico che geoarcheologico, volti ad implementare le conoscenze sulla fascia costiera di Posillipo e del Parco Sommerso di Gaiola in particolare.. Fondatore dal CSI Gaiola ONLUS è responsabile del CeRD (Centro Ricerca e Divulgazione) del Parco e responsabile scientifico per quel che riguarda il piano di monitoraggio biologico e conservazione dell’AMP.. ssa Paola Masucci.. Laureata in Scienze Naturali presso la cattedra di Botanica dell’Università di Napoli Federico II, ha svolto diversi studi finalizzati alla conservazione di specie rare ed habitat prioritari contribuendo all’implementazione delle conoscenze sull’ambiente marino-costiero dell’AMP di Gaiola e sullo stato di conservazione di specie endemiche come.. Primula palinuri.. Fondatrice del CSI Gaiola ONLUS, opera da anni nel settore della divulgazione naturalistica progettando percorsi di visita e laboratori didattici per i più piccoli.. Guida GAE, è dal 2005 responsabile delle attività didattiche e del progetto “I Mari di Napoli”.. ssa Daniela Giordano.. Ha conseguito la laurea in Scienze Marine presso la cattedra di Oceanografia Biologica dell'università degli Studi di Napoli Parthenope.. Ha collaborato con il Dipartimento di Oceanografia Biologica della Stazione Zoologica di Napoli Anton Dohrn prendendo parte a diverse campagne oceanografiche durante le quali si è occupata della raccolta e dell'analisi di dati biologici.. Da sempre attenta alle problematiche ambientali ha conseguito nel 2011 la qualifica di secondo livello come tecnico del controllo ambientale.. E' responsabile dell'organizzazione delle attività didattiche.. ssa Caterina De Vivo.. Laureata in Archeologia presso l’Università degli Studi Orientale di Napoli ha studiato a lungo le principali culture del  ...   al 2012 ha collaborato alla sistemazione e ricognizione del fondo antico presente nella Biblioteca della Soprintendenza Speciale ai Beni Archeologici di Napoli e Pompei.. Collabora alle attività di ricerca e valorizzazione del patrimonio archeologico-paesaggistico dell'area e cura il settore archeologia nell'ambito dei progetti didattico divulgativi.. Piero Barani.. Laureato in Scienze del Mare presso l'Università Sapienza di Roma.. Dottorato in Biologia Marina sulla dinamica e genetica di popolazione per la gestione degli stock ittici.. Ha collaborato con l’Università “Sapienza” di Roma per diversi progetti tra cui il piano di monitoraggio ambientale relativo al naufragio della “Costa Concordia”, la stesura dell’Atlante degli habitat marini costieri e dei S.. marini della regione Lazio.. Conoscenza approfondita dell’ambiente GIS e delle sue applicazioni in particolare dedicata alla cartografia bionomica dei fondali marini.. Istruttore subacqueo, si occupa del coordinamento delle attività subacquee, dell'aggiornamento del sistema GIS, e collabora alle attività scientifico-divulgative.. ssa Marzia Cannella.. Laureata in Biologia Marina con una tesi sperimentale sulla dinamica di popolazioni ittiche presso l'Università Sapienza di Roma, ha partecipato alle campagne di pesca sperimentali MEDITS per la valutazione dello stato degli stock ittici.. Ha preso parte alle attività di ricerca e monitoraggio su Tursiops truncatus relative al Filicudi Dolphin Project.. Ha collaborato con l'Acquario di Genova in attività di educazione ambientale e Biologia Marina per bambini e ragazzi.. Guida subacquea è di supporto alle attività subacquee del centro e si occupa di divulgazione ed educazione ambientale.. Collaborano inoltre con il CSI Gaiola ONLUS:.. ssa Francesca Schiano di Pepe, Dott.. Oscar Saccone, Dott.. ssa Marina Marino, Dott.. Luigi Sergio, Dott.. Roberto Cordovani, Dott.. ssa Luciana Sabia, Dott.. ssa Simona Perna, Dott.. Aldo Cecere, Dott.. Guido Villani, Dott.. Peter Psomadakis, Dott.. Fabio Nigro, Dott.. Alessio Usai, Dott.. Stefano Giustino, Dott.. Alberto Pagliarani..

    Original link path: /STAFF.htm
    Open archive
  •  

  • Title: CSI Gaiola: Oggetto Sociale
    Descriptive info: Art.. 2.. Oggetto Sociale e Finalità.. L'associazione persegue esclusivamente finalità di solidarietà sociale attraverso:.. ·.. la tutela e valorizzazione della natura e dell'ambiente, con esclusione dell'attività, esercitata abitualmente, di raccolta e riciclaggio dei rifiuti urbani, speciali e pericolosi di cui all'articolo 7 del decreto legislativo 5 febbraio 1997, n.. 22;.. la promozione della cultura e dell'arte;.. la tutela, promozione e valorizzazione delle cose d'interesse artistico e storico di cui alla legge 1 giugno 1939, n.. 1089;.. L'associazione si propone come scopo principale lo studio, la salvaguardia, la valorizzazione e la promozione delle risorse naturalistiche, paesaggistiche, archeologiche e culturali in Italia ed all'estero con particolare attenzione per la regione Campania, la Provincia e la città di Napoli.. Particolare riguardo sarà posto all’ambiente marino costiero e a tutti quei luoghi il cui valore naturalistico, paesaggistico, archeologico, culturale sia poco valorizzato, tutelato e/o a rischio.. L'Associazione persegue i propri scopi attraverso una stretta correlazione tra attività di ricerca e divulgazione nel rispetto del proprio codice etico e deontologico.. L'associazione, nell'ambito dell'oggetto sociale, potrà:.. Realizzare, promuovere e gestire progetti finalizzati allo studio della natura e dei beni storico-archeologici nelle aree interessate al fine di approfondirne la conoscenza e proporre efficaci piani di recupero e salvaguardia.. Promuovere e realizzare visite guidate scientifico-divulgative in ambito naturalistico e storico-archeologico su percorsi terrestri, marini, subacquei e sotterranei.. Maturare, promuovere e diffondere un approccio multidisciplinare allo studio ed alla risoluzione delle problematiche ambientali attraverso una visione sistemica dell'ambiente nel quale l’uomo non venga considerato un elemento avulso.. Promuovere, realizzare e collaborare alla realizzazione di programmi di riqualificazione, salvaguardia e valorizzazione delle aree interessate.. Promuovere ed incoraggiare una gestione consapevole del territorio che, dalla valorizzazione e salvaguardia delle risorse naturali, e storico-culturali in esso presenti, porti al miglioramento della qualità della vita delle popolazioni residenti.. Promuovere uno sviluppo socio-economico compatibile con le rilevanze storico-naturalistico-paesaggistiche delle aree interessate ed incoraggiare la  ...   e sui i rischi e i pericoli che li minacciano, promuovendo uno sfruttamento sostenibile del territorio e delle sue risorse.. Proporre ed incoraggiare l’adozione di specifici piani di Gestione Integrata delle Zone Costiere.. Curare la formazione e l'aggiornamento degli operatori a mezzo di corsi e/o cicli di lezioni e predisporre servizi formativi diretti all'acquisizione delle conoscenze specifiche per le attività di cui l'associazione è promotrice;.. Promuovere attività ricreative e sportive non invasive volte a favorire la conoscenza diretta dei luoghi ed ad incentivare un contatto armonioso tra l’uomo e la natura (trekking, snorkeling, immersione subacquea, canoa, ciclismo, ecc).. Stabilire contatti e rapporti di collaborazione con altre associazioni, società e Enti, sia pubblici che privati, in Italia ed all’estero che, nel rispetto delle finalità dell’associazione, siano interessate, anche momentaneamente, a portare avanti un progetto di ricerca o un’esperienza comune.. Eseguire per conto di terzi, analisi territoriali sullo stato dell’ambiente e dei beni archeologici in esso presenti, analisi d’impatto, monitoraggio ambientale e quanto altro rientri tra le competenze delle professionalità insite nell’associazione e sempre nel rispetto delle sue finalità.. Proporsi come punto di riferimento per quanti (privati cittadini, organizzazioni, enti ecc…) abbiano a cuore la salvaguardia ed il recupero di particolari luoghi, comunità ecologiche, specie viventi, habitat, siti e beni di importanza storico-archeologica e ambientale.. Avvalersi anche di collaboratori esterni, professionisti ed esperti che possano facilitare la soluzione dei problemi contingenti.. Per raggiungere lo scopo sociale, l'Associazione potrà creare centri di studio e di ricerca specializzati e utilizzare sia personale proprio che organizzazioni e strutture esterne.. Acquistare o locare beni mobili ed immobili necessari allo svolgimento delle proprie attività e alla realizzazione delle proprie finalità.. E’ fatto divieto all’associazione di svolgere attività diverse da quelle sopra elencate ad eccezione di quelle ad esse direttamente connesse ai sensi di legge, ivi comprese quelle accessorie per natura a quelle statutarie, in quanto integrative delle stesse..

    Original link path: /Finalit%C3%A0.htm
    Open archive

  • Title: CSIGaiola: Contatti
    Descriptive info: Centro Studi Interdisciplinari Gaiola.. onlus.. (in sigla: C.. Gaiola.. ).. Sede Legale:.. Via F.. Petrarca 49, 80122 – Napoli.. Sede Operativa:.. Centro Visite Area Marina Protetta “Parco Sommerso di Gaiola” - Discesa Gaiola 27- 28, 80123 - Napoli.. Tel:.. 081.. 2403235.. - 0815754465.. Fax:.. Email:.. info@gaiola.. org.. Come raggiungerci:.. Dalla Stazione di Napoli Mergellina (Metro-linea2).. Raggiungere a piedi Piazzetta del Leone (Via Mergellina) e prendere l'Autobus 140; scendere alla fermata dell'Istituto Denza in Discesa Coroglio e procedere a piedi (vedi mappa di dettaglio a piè pagina).. Imboccare Via Tito Lucrezio Caro  ...   in tufo in prossimità di una curva a gomito.. Qui di fianco alla chiesetta parte un camminamento pedonale che mediante una scalinatella vi porterà al porticciolo della Gaiola.. Arrivati al porticciolo, superate la spiaggia e raggiungete la nostra sede operativa presso il CeRD (Centro Ricerca e Divulgazione) del Parco Sommerso di Gaiola.. [.. Vedi la mappa generale.. ].. Dalla Stazione di Campi Flegrei (Metro-linea2).. All'uscita della Stazione di Campi Flegrei (Piazzale Tecchio) prendere l' Autobus C1.. Scendere al capolinea (Capo Posillipo) e procedere a piedi (vedi mappa di dettaglio a piè pagina)..

    Original link path: /Contatti.htm
    Open archive

  • Title: Mappa Parco Sommerso di Gaiola
    Descriptive info: Home.. Area Marina Protetta Parco Sommerso di Gaiola.. ~.. Limiti e Zonazione.. ~.. Normativa di Riferimento..

    Original link path: /Mappa_ParcoGaiola.htm
    Open archive

  • Title: Gaiola Interdisciplinary Studies Center
    Descriptive info: Gaiola Interdisciplinary Studies Center.. In 2004 the Centro Studi Interdisciplinari Gaiola (C.. ) has been founded, as the natural spin-off of a scientific research project realized with the Department of Science for Environment of the Università degli Studi di Napoli “Parthenope”.. During this project a specific territorial analysis on the Posillipo (Naples) ecological marine-coastal system was realized for the first time; the aim was to produce a clear reference frame in order to better manage and preserve natural and historical resources of the area.. In fact the Posillipo coastline still maintains a great environmental and archaeological heritage in a beautiful coastal landscape and really close to the centre of the city of Naples.. The study, the safeguard and the development of this huge, forgotten heritage of the city of Naples are the main aims of the C.. The staff is composed by young experts in Marine Environmental Science, Natural Science, Archaeology and Preservation of Cultural Heritage.. The C.. objectives are pursued combining research activities with scientific popularization activities, with a multidisciplinary approach.. It has always been important to involve normal citizens in the activities of the Centre through exhibitions, conferences, workshop, guided tours, classes and courses with school and university students.. A useful working relationship with the Manager Authority “Soprintendenza per i Beni Archeologici di Napoli e Pompei” of the.. Marine Protected Area “Gaiola Underwater Park”.. has been established and in 2005 an agreement (prot.. 38615 del 19/12/05) was signed in order to preserve the environmental and archaeological heritage of the Marine Protected Area (MPA).. Thanks to this agreement starting from 2006 the C.. has its operative headquarters in the Research and Visitors Centre (CeRD) of the MPA so that the C.. can assure a permanent protection of the MPA.. In fact in the last five years it has been possible to upgrade one of the most beautiful area of the Neapolitan coastline which was abandoned for decades.. Nowadays the CeRD is an important high standard quality reality for the city of Naples and in the general situation of the Italian MPAs.. In 2007, the association obtained the Italian qualification as “Onlus” (No-profit Organization of Social Utility) according to the Italian law D.. Lgs 460/97.. Gaiola collaborates with other Associations, Organizations and Research Institutes involved in the preservation of the marine-coastal resources and since 2006 it has an agreement with the Università degli Studi di Napoli “Federico II” (Prot.. 22725 del 24/02/06) and “Parthenope” (Prot.. 380 del 21/03/06) in order to participate to formative and research activities.. Since 2005 several studies have been carried out in the environmental and geo-archaeological fields to improve the knowledge on the marine-coastal environment of the Mediterranean area and in particular of the MPA ”Gaiola Underwater Park”.. Research activities.. To pursue its objectives the  ...   and in the Pausilypon Archaeological Park (an archaeological area historically connected to the MPA Gaiola).. Here are listed the different itineraries:.. Itineraries by the glass-bottom boat:.. From Marechiaro to Trentaremi: guided tours by the sea in the MPA by the glass-bottom boat.. Snorkeling Itineraries:.. Sea-watching itineraries of different difficulty and time between archaeological underwater structures and flourishing underwater life.. D.. iving Itineraries:.. This itinerary is dedicated to those have first level diving license at least.. Diving tours can be chosen between biological itineraries (Cavallara Shore max depth -25m), and bio-archaeological itineraries (starting from Gaiola shore max depth -16m).. Itineraries in The Pausilypon Archaeological Park:.. Entering from a 700 meters long Roman Gallery to visit the remains of a I century B.. seaside Roman villa belonging to the rich knight Publio Vedio Pollio.. I.. ntegrated Itineraries:.. This itinerary combines the tour to the Pausilypon Archaeological Park with the glass-bottom boat or snorkeling tour.. - Didactic activities.. The philosophy of the C.. is to combine the research activity with scientific popularization of the data.. In fact, if the research is aimed to the preservation of the historical/archaeological and environmental heritage, it is really important to carry out at the same time awareness campaign with adults citizens and with children and young people.. At the same time it is really important to know well the territory and all its problematic to be able to make awareness campaigns.. School Projects: “Neaples Seas”.. Since 2006 the C.. realizes an environmental/cultural education project called.. “I Mari di Napoli ”.. (Neaples Seas).. with school students.. The aim is to teach the new generations to discover and respect the marine environment.. University Project: “Training for the marine sciences”.. Thanks to the great geological, environmental and archaeological variety of the MPA seabed and coastline, this Park is the perfect training area for those who are interested in studying marine environment.. For this reason the C.. realized the project.. “Una palestra per le scienze del mare”.. (Training for the marine sciences).. , to let university students the chance to make internships, stages and practical experiences.. Courses.. organizes also courses for a generic public interested in the knowledge and preservation of environment.. Bird-watching.. course.. in the MPA Gaiola Underwater Park :.. The main techniques and methodologies to observe and recognize the birds along the coastline of the MPA have been taught.. Sea-watching course in the MPA Gaiola Underwater Park :.. First sea-watching course in Campania, it gave the opportunity to observe the seabed to discover history, bio-diversity hidden under water at few meters of depth.. Eco-diving course in the MPA “Gaiola Underwater Park”:.. Courses organized to give the I level “Open Water” PADI diving license and at the same time to teach scuba-divers to be respectful of the marine environment..

    Original link path: /interdisciplinary_studies_center.htm
    Open archive

  • Title: Seawatching AMPGaiola
    Descriptive info: Corso di Seawatching.. nell’Area Marina Protetta “Parco Sommerso di Gaiola”.. dal 18 Settembre al 5 Ottobre 2008.. AVVISO: l'inizio del Corso è posticipato al 25 Settembre vista la concomitanza con la Fiera PARCHINMOSTRA '08.. Il Centro Studi Interdisciplinari Gaiola onlus, d’intesa con la Soprintendenza Archeologica di Napoli e Caserta, propone nei mesi di Settembre-Ottobre il I Corso di Seawatching nell’Area Marina Protetta Parco Sommerso di Gaiola.. Le finalità di questo corso sono quelle far riavvicinare la Città di Napoli al suo mare “dimenticato”, alla riscoperta di un universo, quello marino, che malgrado sia onnipresente nella vita e nella storia di una città di mare, come Napoli, è troppo spesso ignorato e del tutto sconosciuto a chi quotidianamente ci vive accanto.. Il corso vuole innanzitutto stimolare all’osservazione dell’ambiente marino e delle sue immense risorse, biologiche ed archeologiche, offrendo le basi di ecologia marina necessarie per imparare a conoscere e riconoscere le specie animali e vegetali mediterranee e le dinamiche di funzionamento dell’ecosistema marino.. Il seawatching è un modo semplice, divertente ed accessibile a tutti  ...   Gaiola (Discesa Gaiola 27,28) ed escursioni in mare (tra cui una notturna).. La tecnica base utilizzata nelle escursioni è lo snorkeling, con maschera, boccaglio e pinne.. Per i possessori di brevetto subacqueo è possibile scegliere l'opzione immersione con ARA.. Il corso si rivolge a tutti gli appassionati dell’universo marino, l’unico requisito richiesto è saper nuotare ed avere un buon rapporto con l’elemento acqua e con l’attrezzatura necessaria allo svolgimento delle attività in mare, ma soprattutto tanta tanta voglia di riscoprire il mare di Napoli!.. Informazioni.. Il Corso è a numero chiuso per un totale di 16 partecipanti.. Saranno considerate valide le domande d'iscrizione pervenute entro le ore 12,00 del 24 settembre 2008.. Scarica qui il Programma del Corso e le Modalità di Partecipazione.. Scarica qui la Scheda di Iscrizione.. Per procedere all’iscrizione dopo aver letto le modalità di partecipazione, compilare il modulo di iscrizione e consegnarlo a mano presso la sede del Parco (Discesa Gaiola 27/28), o inviarlo via fax al n.. 0815754465.. o via email all’indirizzo.. corsi@gaiola.. org.. Con il Patrocinio di:..

    Original link path: /Seawatching_Gaiola.htm
    Open archive

  • Title: Progetti di Ricerca CSI Gaiola
    Descriptive info: Attività di Ricerca.. Monitoraggio e conservazione biocenosi marine.. Sulla base delle conoscenze acquisite nell’ambito delle prime indagini sul sistema ecologico costiero di Posillipo (Simeone e Russo 2005), il CSI Gaiola onlus dal 2006 effettua attività di monitoraggio delle principali comunità biologiche marine caratterizzanti i fondali dell’AMP, nonché sulla consistenza in termini di popolazione di specie rare e/o protette presenti e sulla presenza di elementi di degrado di origine antropica.. Dal 2010 su incarico dell’Ente Gestore cura la pianificazione e realizzazione del piano annuale di monitoraggio biologico-ambientale del Parco.. In particolare, grande importanza è stata data allo studio distributivo e quali-quantitativo di biocenosi, facies e specie di rilevanza ecologica in relazione alla caratterizzazione geomorfologica dei fondali ed alle principali criticità sussistenti.. A ciò sono stati associati campionamenti microbiologici per monitorare la qualità delle acque del Parco, ed indagini ittiofaunistiche.. Analisi geo-archeologiche.. Considerando l’insufficienza di dati disponibili in letteratura sia in ambito geoarcheologico che in ambito prettamente archeologico, quasi tutti rifacentesi al pregevole seppur datato lavoro di Robert T.. Gunther dei primi del ‘900, al fine di poter avere un quadro più esaustivo sulle rilevanze archeologiche presenti sui fondali dell’AMP e sulla Variazione Relativa del Livellodel Mare (VRLM) , che ha interessato il litorale di Posillipo negli ultimi 2000 anni, il C.. Gaiola onlus a partire dal 2006 sta portando avanti un progetto di ricerca finalizzato all’acquisizione di nuovi dati in ambito archeologico e geoarcheologico sull’area.. Oltre a fornire una nuova mappatura georeferenziata delle strutture archeologiche attualmente sommerse, sulla base dei dati acquisiti, si sono effettuate nuove interpretazioni sulla VRLM dall'epoca romana ad oggi sulla costa di Posillipo, fornendo anche nuove basi interpretative sulle origini dell’attuale geomorfologia costiera dell’area di studio in oggetto (Simeone e Masucci, 2009).. Rilievo Cavità costiere.. In continuità con gli studi geomorfologici e geoarcheologici sulla fascia costiera emersa e sommersa di Posillipo si è deciso di concentrare l'attenzione sulla moltitudine di grotte e cavità, per massima parte di origine artificiale, presenti lungo la costa, sia per il loro grande valore storico archeologico, sia in quanto elementi fortemente caratterizzanti del paesaggio costiero.. Dopo una prima fase di censimento delle cavità presenti, si è passati al rilievo di dettaglio delle cavità censite ed all’analisi geomorfologica delle stesse nel tentativo di fornire elementi utili relativi al periodo di scavo ed all’utilizzo delle cavità rilevate di maggior interesse (Simeone et al, 2007).. Nel caso delle Grotte di Trentaremi, si è anche proceduto alla caratterizzazione bio-ecologica dei popolamenti di pozza di scogliera presenti all’interno (Simeone et al, 2008).. Analisi fitosociologiche.. In questo studio è stata analizzata la componente vegetale della costa rocciosa tufacea che si affaccia sull’Area Marina Protetta, al fine di individuare le associazioni fitosociologiche presenti e le emergenze botaniche di rilievo, di una costa che nonostante il contesto profondamente urbanizzato in cui è inserita conserva ancora una inaspettato livello di naturalità.. Il fine è quello di confrontare i risultati dello studio con i parametri della Direttiva Habitat relativamente alle “scogliere con vegetazione delle coste mediterranee”.. I risultati sono stati presentati durante il.. 101° Congresso della Società Botanica Italiana (Caserta 27/29 Settembre 2006).. Studio dell’avifauna costiera svernante e nidificante.. Dal 2005 il C.. Gaiola onlus porta avanti uno studio specifico sulla popolazione di Cormorani Phalacrocorax carbo che, con sempre maggiore abbondanza, frequenta il litorale napoletano per svernare.. Durante tale ricerche, sono stati evidenziati i posatoi diurni e notturni, effettuando inoltre uno studio di carattere eco-etologico sullo svernamento della specie in ambiente marino.. (Simeone e Masucci, 2006).. Negli anni successivi tali indagini si sono allargate allo studio della caratterizzazione ornitologica delle coste dell’AMP acquisendo dati sulle specie svernanti, di passo e nidificanti come il Gabbiano reale (Larus michahellis).. GIS della fascia costiera di Posillipo.. La tecnologia GIS (Geographic Information Systems) consente di integrare le operazioni tipiche dei database, con i vantaggi specifici della visualizzazione e dell'analisi geografica forniti dagli strumenti di disegno cartografico.. Tutti i dati acquisiti nell’ambito dei diversi studi svolti sulla fascia costiera sono stati integrati nell’implementazione di un GIS (Geographic Information System).. Il GIS ha permesso di avere un quadro organico dei dati raccolti, permettendo l’archiviazione  ...   to the Middle Ages: recent geo-archaeological findings in Southern Italy”, Salerno, 4-7 Settembre 2007.. , 2008 –.. Ricerca e divulgazione scientifica nell’AMP Parco Sommerso di Gaiola.. - WORKSHOP “Tutela e valorizzazione nelle AMP: una gestione efficace ed efficiente” Castello Aragonese di Baia – Bacoli (NA); 22/23 Gennaio 2008.. 2008 – Il Parco Sommerso di Gaiola tra conservazione e fruizione sostenibile delle risorse - FORUM “Aree Marine Protette e Sviluppo Sostenibile nei Sistemi Territoriali”, Università di Napoli Parthenope, Villa Doria D’Angri, Napoli, 31 Gennaio 2008.. , Villani G.. , Nigro F.. , 2008-.. Le Grotte di Trentaremi e le altre cavità costiere dell’Area Marina Protetta Parco Sommerso di Gaiola (Golfo di Napoli): aspetti geoarcheologici ed ecologici.. Opera Ipogea, 1-2/2008.. Atti VI Convegno Nazionale di Speleologia in Cavità Artificiali, Museo Archeologico Nazionale, Napoli, 30 maggio - 2 giugno 2008.. , 2008 -.. The Marine Protected Area of the “Gaiola Underwater Park”:.. outreach and local community involvement as a conservation strategy -.. Workshop Internazionale “Heritage Site Management Practices” – Villa Campolieto, Ercolano (Napoli), 13-24 Ottobre 2008.. , 2009 –.. Analisi geo-archeologiche nell’Area Marina Protetta Parco Sommerso di Gaiola (Golfo di Napoli).. Il Quaternario Italian Journal of Quaternary Sciences”, 22(1): 25-32.. , 2010 –.. Didattica e divulgazione scientifica quali strumenti di tutela delle Aree Marine Protette –.. Settimana della Biodiversità, Università di Salerno – Fisciano (Salerno) ; 8-12 Novembre 2010.. , De Vivo C.. Un approccio interdisciplinare alla tutela delle risorse nel Parco Sommerso di Gaiola: l’esperienza del C.. Gaiola onlus –.. Congresso Nazionale AISA “AQUA” – Orto Botanico Roma, 18-19 Marzo 2011.. , P.. Masucci, C.. De Vivo, V.. Vecchione -.. Sea level variations since roman time and coastal landscape modifications in marine protected area Gaiola Underwater Park.. - 3rd International Symposium on Occupational Scientific Diving of ESDP - 09-12 November, 2011 - Porto Cesareo, Lecce (Italy).. Masucci, P.. Psomadakis, C.. De Vivo, D.. Giordano, L.. Appolloni, M.. Cotugnom -.. Monitoring of the coastal ecological system in the Gaiola Underwater Park: an interdisciplinary approach.. C.. Girardi, M.. Simeone.. Urban Waterfront Regeneration Processes.. An Integreted Local Approach for the Marine Protected Area Parco Sommerso di gaiola in Naples.. - Port Cities as Hotspots of Creative and Sustainable Local Development - 1st 2nd September 2012 -Aula Magna Centro Congressi via Partenope 36, Napoli.. Psomadakis P.. , Giustino S.. , Simeone M.. 2012 -.. Analysis of the fish assemblage in the MPA Gaiola underwater park through visual census techniques.. Fourth International Symposium: Monitoring of Mediterranean coastal areas: problems and measurement techniques Livorno (Italy) 12-14 June 2012.. M.. Simeone, C.. De Vivo, P.. Masucci 2012 -.. An interdisciplinary approach to the preservation of the Gaiola Archaeological Underwater Park and the Posillipo coastline, bay of Naples (Southern Italy).. Euromed 2012 - International Conference on Cultural Heritage; 29 Ottobre - 3 Novembre 2012, Lamesos (Cyprus).. Simeone, P.. Giordano, P.. Barani, M.. Cannella, O.. Saccone -.. Monitoring of the coastal ecological system and GIS implementation for the management and preservation of the MPA Gaiola Underwater Park.. IMPAC 3 International Marine Protected Areas Congress ; 21-27 October 2013, Marsille (France).. Tesi Di Laurea svolte presso il CSI Gaiola ONLUS.. - Cotugno M.. (2009).. Applicazione di un Geograpfic Information System (GIS) alla distribuzione della facies a mitili nell’ AMP “Parco Sommerso di Gaiola”.. Tesi di Laurea, Corso di Laurea in Biologia delle produzioni marine; Università Federico II di Napoli.. Giordano A.. Fruizione pubblica ed esigenze di tutela ambientale: il caso dell’AMP di Gaiola.. Tesi di Laurea specialistica, Corso di Laurea in Scienze e tecnologie per l’ambiente ed il territorio; Università Parthenope di Napoli.. - Pompa G.. (2010).. Analisi e caratterizzazione geomorfologia della Secca della Cavallara nell’AMP “Parco Sommerso di Gaiola” e relazioni tra biocenosi bentoniche e morfologia del fondo marino.. Tesi di Laurea specialistica, Corso di Laurea in Scienze della Natura; Università Federico II di Napoli.. - Fania M.. (2010).. Caratterizzazione e analisi delle strutture geomorfologiche del tratto di costa appartenente all’AMP di Gaiola.. - Vecchione V.. Ricostruzione e analisi dell’impatto antropico, in tempi storici, sulla fascia costiera posillipina nel tratto che comprende l’AMP “Parco Sommerso di Gaiola”..

    Original link path: /Ricerche_in_Corso.htm
    Open archive

  • Title: Progetto Cormorano (Phalacrocorax carbo)
    Descriptive info: Phalacrocorax carbo.. A partire dal 1970 la popolazione europea di.. ha iniziato ad incrementarsi espandendo notevolmente il proprio areale nel mediterraneo e colonizzando nuovi siti di svernamento.. L’Italia meridionale rientra tra i siti preferenziali di svernamento con popolazioni anche cospicue che di recente hanno conosciuto una significativa espansione dell’areale.. Recenti indagini sulle popolazioni svernanti di Phalacrocorax carbo in Campania suggeriscono una netta preferenza verso gli ambienti umidi interni rispetto alle falesie e zone antropizzate marine (Ricchi, 1999, Fraissinet et al, 2003), non riscontrando, inoltre, nessun dormitorio ricadente all’interno del Comune di Napoli.. Recentemente, durante il I Convegno ARCA “La natura in Campania, aspetti biotici ed abiotici”, il C.. Gaiola ha presentato i risultati di uno studio preliminare condotto sulla popolazione di Cormorani frequentanti il litorale comunale di Napoli, dimostrando l’esistenza, nell’area compresa tra Posillipo e Nisida, del più grande sito di svernamento di.. in Campania (Simeone, 2005).. Accanto ai  ...   questo lavoro il Premio Gianguido Gorlier 2004.. Questi risultati hanno spinto il C.. Gaiola ad approfondire le indagini sullo svernamento di tale specie sulle nostre coste, ritenendo i dati attualmente disponibili ancora scarsi proprio per le difficoltà di indagine legate all'inaccessibilità da terra di ampi tratti di costa rocciosa della nostra Regione ed alla necessità di effettuare, quindi, tali studi via mare con le difficoltà pratiche ed economiche che ne derivano.. Già nell'inverno 2004/05 il CSI Gaiola ha allargato l'area di indagine alle coste rocciose del settore occidentale del litorale flegreo.. I risultati di tale indagine sono stati presentati durante il.. XIII Convegno Italiano di Ornitologia.. (Varallo Sesia (VC), 29 Settembre - 2 Ottobre 2005): Simeone M.. Avocetta, 29:213.. Per la stagione di svernamento 2005/06 il progetto di ricerca sarà esteso a tutte le coste campane la cui tipologia d'habitat possa rappresentare un idoneo sito di svernamento per tale specie..

    Original link path: /Phalacrocorax_carbo.htm
    Open archive

  • Title: Progetto Primula palinuri Petagna
    Descriptive info: Petagna rappresenta uno dei più rari nonché controversi endemiti del nostro Paese.. La particolarità principale di tale specie, che fa discutere così tanto, è proprio la sua distribuzione attuale, confinata ad un piccolo lembo costiero del Tirreno meridionale compreso tra Campania, Basilicata e Calabria.. In particolare tutte le stazioni campane rientrano nel Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano che l’ha anche scelta come suo logo.. Pur vivendo sulle pareti rocciose che si affacciano sul mare, ha delle esigenze ecologiche che ne fanno ricordare l’origine da una flora montana.. La particolarità biogeografica e soprattutto l’ampiezza limitata, e per di più frammentata e del suo areale, fanno di.. P.. palinuri.. una specie la  ...   nel processo di conservazione di tale specie.. In base ai dati disponibili, infatti, è impossibile fare delle analisi comparative spazio-temporali, e quindi avere precisi dati di riferimento per monitorare e comprendere lo stato di conservazione di.. Gaiola sta portando avanti un progetto di ricerca finalizzato all’acquisizione sul campo di nuovi dati ed all’implementazione di un sistema informativo territoriale (GIS) sullo stato e la distribuzione di.. , che possa servire da strumento di riferimento per il monitoraggio e lo studio della dinamica di popolazione di questo raro endemismo.. I primi risultati di questo studio sono stati presentati durante il.. 101° Congresso della Società Botanica Italiana.. (SBI) tenutosi a Caserta dal 27 al 29 Settembre 2006..

    Original link path: /Primula_palinuri.htm
    Open archive



  •  


    Archived pages: 114