www.archive-org-2013.com » ORG » F » FABIOFEMINOFANTASCIENCE

Choose link from "Titles, links and description words view":

Or switch to "Titles and links view".

    Archived pages: 116 . Archive date: 2013-11.

  • Title: Fabio Feminò
    Descriptive info: .. UNA PICCOLA CASA EDITRICE DI FANTASCIENZA, LA.. PERSEO LIBRI.. , CON IN CATALOGO OPERE DI EDMOND HAMILTON, JACK WILLIAMSON, BRIAN W.. ALDISS, BRUCE STERLING, E SOPRATTUTTO CLIFFORD D.. SIMAK, RISCHIA DI SCOMPARIRE.. SE LEGGETE LA LINGUA ITALIANA, SIETE PREGATI DI COMPRARE QUALCOSA ENTRO LA FINE DELL'ESTATE.. SE SIETE VAGAMENTE INTERESSATI, CLICCATE SU QUESTA STESSA SCRITTA.. FOREIGN VISITORS CAN USE ALTAVISTA'S BABELFISH FREE TRANSLATOR.. CLICKING ON THE FLAG, NOT ONLY THIS PAGE BUT ALL THE SITE WILL BE TRANSLATED INTO ENGLISH, ALTHOUGH VERY ROUGHLY.. IF THE BABELFISH TRANSLATOR DOES NOT WORK, FOREIGN VISITORS CAN USE THE FREE GOOGLE TRANSLATION SERVICE CLICKING HERE.. BENVENUTI NEL SITO DI FABIO FEMINO', UNO DEI MASSIMI ESPERTI ITALIANI DI ASTRONAUTICA, FUTUROLOGIA E FANTASCIENZA.. QUESTO SITO, SUDDIVISO IN DIVERSE SEZIONI, VI PERMETTERA' DI SCOPRIRE COME NEL XX SECOLO, AL CULMINE DELL'ERA SPAZIALE E NUCLEARE, IL FUTURO VENIVA IMMAGINATO DA SCRITTORI, SCIENZIATI E SOPRATTUTTO ARTISTI.. VEDRETE LE IMMAGINI DI ALTRI MONDI DIPINTE DA CHESLEY BONESTELL, LE GIGANTESCHE ASTRONAVI DI ROBERT MCCALL, GLI SCENARI QUASI INDESCRIVIBILI DI FRANK R.. PAUL.. POTRETE LEGGERE BRANI DI ROBERT HEINLEIN, FREDERIK POHL E ALTRI TITANI DELLA FANTASCIENZA, OSSERVARE LE MERAVIGLIOSE COPERTINE DEI VECCHI PULP DI SF, E AMMIRARE LE IMMAGINI DI CIO' CHE GLI SCIENZIATI DEL XX SECOLO, SOPRATTUTTO DEGLI ANNI CINQUANTA E SESSANTA, IMMAGINAVANO PER IL NOSTRO, IL SECOLO XXI.. SONO STATE USATE LE MIGLIORI IMMAGINI E LE MIGLIORI INFORMAZIONI DISPONIBILI.. INTERE BIBLIOTECHE, SULLA CARTA E SU ALTRI SITI INTERNET, SONO STATE SACCHEGGIATE.. LA VISITA DI QUESTO SITO E' GRATUITA, MA, IN CAMBIO, UNA DONAZIONE TRAMITE.. PAYPAL.. , ANCHE SOLO DI UN PAIO DI DOLLARI O EURO, SAREBBE MOLTO APPREZZATA.. LA COSTRUZIONE DEL SITO HA RICHIESTO, FINORA, QUATTRO ANNI DI TEMPO E MOLTO DENARO.. CLICCATE SUI PULSANTI DI.. - E' SEMPLICE.. WELCOME TO THE SITE OF FABIO FEMINO', ONE OF THE FOREMOST ITALIAN EXPERT IN ASTRONAUTICS, FUTUROLOGY AND SCIENCE FICTION.. THIS SITE, SUBDIVIDED IN VARIOUS SECTIONS, WILL MAKE YOU DISCOVER HOW IN THE XX CENTURY, AT THE TOP OF THE SPACE AND NUCLEAR AGE, THE FUTURE WAS IMAGINED BY WRITERS, SCIENTISTS AND ESPECIALLY ARTISTS.. YOU'LL SEE THE PICTURES OF OTHER WORLDS PAINTED BY CHESLEY BONESTELL, THE GIANT SPACESHIPS BY ROBERT MCCALL, THE SCENES - ALMOST IMPOSSIBLE TO DESCRIBE - BY FRANK R.. YOU'LL BE ABLE TO READ EXCERPTS FROM ROBERT HEINLEIN, FREDERIK POHL AND OTHER TITANS OF SCIENCE FICTION, LOOK AT THE WONDERFUL COVERS OF OLD SCI-FI PULPS, AND ADMIRE WHAT THE SCIENTISTS OF XX CENTURY, ESPECIALLY OF THE FIFTIES AND SIXTIES, IMAGINED FOR OUR XXI CENTURY.. THE BEST PICTURES AND THE BEST AVAILABLE INFORMATIONS WERE USED.. ENTIRE LIBRARIES, ON PAPER AND OTHER INTERNET SITES, WERE SACKED.. VISITING THIS SITE IS FREE, BUT, IN EXCHANGE, A DONATION USING.. , EVEN ONLY A COUPLE OF DOLLARS OR EUROS, WOULD BE VERY APPRECIATED.. THE CREATION OF THE SITE REQUIRED, TILL NOW, FOUR YEARS OF TIME AND A LOT OF MONEY.. CLICK ON THE.. BUTTONS - IT IS EASY.. OTTIMIZZATO PER LA RISOLUZIONE DI 1024 x 768.. OPTIMIZED FOR  ...   nei colori sgargianti tipici dei vecchi pulp , con fotografie dell'autore, interviste, e aneddoti e curiosità di ogni genere! Copertine di.. Amazing Stories.. Wonder Stories.. Science Wonder Stories.. Wonder Stories Quarterly.. Science Fiction Plus.. Precursori e Frank R.. Paul pagine.. ARTE SPAZIALE 2.. - Chesley Bonestell.. I più grandi dipinti raffiguranti lo spazio dalla metà del XX Secolo agli anni '70! Illustrazioni di Chesley Bonestell mai pubblicate prima in Italia o completamente dimenticate, nei colori sgargianti tipici dei vecchi pulp , con biografie dell'autore, interviste, e aneddoti e curiosità di ogni genere! Copertine di.. Astounding Stories, Analog, Galaxy, The Magazine of Fantasy Science Fiction.. Chesley Bonestell pagine.. 12.. 13.. 14.. ARTE SPAZIALE 3.. - Robert McCall e i pittori della NASA.. Robert McCall, il più grande pittore astronautico vivente, e i dipinti spaziali commissionati dalla NASA a noti artisti e finora visibili solo a un pubblico ristrettissimo!.. Robert McCall e NASA Art pagine.. 15.. 16.. ARTE SPAZIALE 4.. - Illustratori italiani.. Kurt Caesar e Luigi Garonzi, i pionieri dell'arte spaziale in Italia, dimenticati nel loro stesso Paese.. Copertine delle riviste italiane.. Urania.. e.. I Romanzi del Cosmo.. Kurt Caesar pagine.. Luigi Garonzi pagine.. IL PROGRAMMA SPAZIALE DI.. COLLIER'S.. Negli anni '50 la rivista.. Collier's.. pubblicò una serie di articoli sulla futura esplorazione dello spazio, della Luna e di Marte.. Anche se nella realtà le cose sono andate diversamente, ci rimangono le splendide illustrazioni di Chesley Bonestell, Fred Freeman, e altri, sotto la supervisione di Wernher von Braun e.. Walt Disney!.. IL FUTURO VISTO DAL PASSATO.. Come nel XX secolo venne immaginato il futuro: grattacieli alti un miglio, città subacquee, auto volanti, reattori nucleari ovunque, basi sulla Luna e spedizioni su Marte.. Le due mostre.. Futurama.. del 1939 e del 1964.. Aerei atomici, case di plastica e cyborg.. Illustrazioni rarissime di artisti come Syd Mead e Ed Valigursky, fotografie di strani prototipi, e altre copertine delle più celebri riviste di fantascienza!.. 17.. 18.. 19.. 20.. 21.. 22.. 23.. 24.. 25.. 26.. 27.. 28.. 29.. 30.. 31.. 32.. 33.. 34.. 35.. LINK UTILI:.. http://www.. davidszondy.. com/future/futurepast.. htm.. (altro sito sul Retrofuturo, con centinaia di illustrazioni, anche se spesso di piccolo formato, e un testo umoristico).. shoporium.. com/shops/SciFiBuys/.. (cortesissimo venditore di vecchi pulp di fantascienza).. http://greatsfandf.. com.. (links per acquistare libri nuovi e usati presso altri siti).. slawcio.. com/artsf.. html.. (gigantesca raccolta di altre gallerie, inclusa questa).. frankwu.. com/paul1.. (la collezione completa di tutte le copertine di Frank R.. Paul, anche se la maggior parte sono in formato francobollo).. hobbyspace.. com/Art/index.. (praticamente tutti i siti di arte spaziale disponibili sul Web).. http://duncanlong.. com/science-fiction-fantasy/art.. (altri link di arte spaziale).. hardyart.. demon.. co.. uk/html/linkart.. (altro elenco di link compilato dall'artista David Hardy.. visitate il SUO sito).. Ernesto Vegetti, il maggior collezionista italiano di sf (e compilatore del catalogo di tutta la sf mai pubblicata in Italia: vedi.. fantascienza.. com/catalogo/.. ).. e-mail.. l'ultimo aggiornamento di questo sito è del 25 febbraio 2005.. visitatori complessivi di questo sito.. Web.. www.. fabiofeminofantascience.. org..

    Original link path: /
    Open archive

  • Title: MARTE 1
    Descriptive info: INVADERS FROM MARS!!!.. di Fabio Feminò.. Cari appassionati di sf, sapete cosa fu all'origine del nostro genere letterario preferito? Fu la pubblicazione di.. Mars as the Abode of Life.. , di Percival Lowell, che si trovò ad avere una radicale influenza sulla narrativa fantascientifica.. Il libro fu infatti letto da bambino da un certo.. Hugo Gernsback, e gli lasciò in mente una traccia indelebile.. Secondo il suo biografo Sam Moskowitz, lo sforzo di comprenderlo gli fece venire una febbre, e scivolò nel delirio, farfugliando di strane creature, città fantastiche, e canali di Marte progettati con magistrale ingegno per due giorni e due notti.. In seguito Gernsback, scienziato (aveva inventato la radio portatile) e bibliofilo, divenne il fondatore della prima rivista di science fiction del mondo,.. , e numerose altre.. Proprio qui sotto appaiono due tavole del disegnatore favorito di Gernsback, Frank R.. Paul, che ripaga il tributo a Lowell per quelle visioni.. DUE DELLE PIU' CELEBRI ILLUSTRAZIONI MARZIANE DI PAUL.. Già da tempo immemorabile si discuteva dell'esistenza della vita sul pianeta rosso.. Anno dopo anno, quando gli avvenimenti politici non sono fonte di preoccupazione, si riaffaccia il problema dell'esistenza di una vita intelligente, senziente, sul pianeta Marte scrisse l'allor giovane Herbert George Wells (1866-1946) in un saggio intitolato.. Intelligence on Mars.. , apparso sul.. Saturday Review.. nell'aprile 1896.. Sembra cronaca d'oggi, con l'unica differenza che il mito dei marziani è stato rimpiazzato da quello degli UFO.. Sugli abitanti di Marte due scuole di pensiero si confrontarono: quella dell'astronomo e geografo americano Percival Lowell, nato nel 1855 da famiglia illustre, che li vedeva come esseri pacifici e industriosi, e quella dello scrittore Wells, di famiglia assai disagiata, che li ritenne spietati conquistatori interplanetari.. ALTRE DUE CELEBRI ILLUSTRAZIONI DI PAUL, COMPRESO UN MARZIANO.. DORMIENTE.. Il dibattito sulla vita marziana fu particolarmente intenso alla fine dell'Ottocento, proprio a causa del perfezionamento delle osservazioni telescopiche che spense le speranze di trovare vita lunare.. Richard Proctor (1837-1888), uno dei più noti divulgatori del tempo, scrisse nel suo celebre.. Other Worlds than Ours.. (1870) che il pianeta aveva mari e oceani, e che mostrava nel modo più chiaro di essere adatto alle necessità degli esseri viventi come noi li conosciamo.. Un altro noto divulgatore, Camille Flammarion (1842-1925), già autore nel 1862 di un ponderoso trattato intitolato.. La pluralité des mondes habités.. che ebbe un fenomenale successo, pubblicò nel 1892 un volume altrettanto ponderoso intitolato.. La planète Mars et ses conditions d'habitabilité.. Le opere di Flammarion ebbero un'immensa influenza sul pubblico, e l'autore rimase convinto che vi fosse vita su Marte fino alla sua scomparsa.. In.. La planète Mars.. , Flammarion asseriva che vi erano mari poco profondi, simili al Mediterraneo, e continenti.. Il colore rossastro del terreno visibile, anziché verde, sembrerebbe indicare che la superficie sia sterile e sabbiosa.. Ma sembra impossibile condannare un mondo a un simile fato, dato che vi sembrano presenti tutti gli altri elementi della vita.. Perché mai, possiamo chiederci, la vegetazione marziana dovrebbe essere verde? Da questo punto di vista, non c'è motivo di considerare la Terra un caso tipico nell'universo.. La stessa vegetazione terrestre può essere rossastra; le prime piante terrestri furono.. licopodi.. , il cui colore è di un giallo rossiccio.. La sostanza verde che dà ai nostri vegetali il loro colore.. la clorofilla.. è composta da due elementi, una verde, l'altro giallo.. Questi due elementi possono essere separati da processi chimici.. E' quindi perfettamente scientifico ammettere che in condizioni differenti da quelle della Terra,  ...   canali di Marte è la loro.. geminazione.. ; in conseguenza di un rapido processo, che certamente dura pochissimi giorni, od anche forse solo poche ore, e del quale i particolari non si sono ancora potuti afferrare con sicurezza, un dato canale muta d'aspetto e d'un tratto si trova trasformato su tutta la sua lunghezza in due linee o strisce uniformi, per lo più parallele fra di loro, che corrono dritte ed uguali quanto due rotaie di ferrovia.. L'intervallo fra le due linee è diverso da un caso all'altro, come pure la sua proporzione alla grossezza delle linee stesse.. Le due linee seguono a un dipresso la direzione del primitivo canale, e terminano nei luoghi dov'esso terminava.. Talvolta una linea diventa più debole dell'altra e finisce per sparire, l'altra rimanendo immutata e visibile come canale isolato.. Le geminazioni non si manifestano tutte insieme, ma arrivata la loro stagione cominciano a prodursi or qua, or là, isolate in modo irregolare, o almeno senza ordine facilmente riconoscibile.. La loro apparizione succede in varie epoche con diversa frequenza; talora mancano affatto o sono in piccol numero, in altre epoche il pianeta ne è quasi tutto occupato, ed in certe occasioni se ne son viste fino a 30 simultaneamente.. Esse mancarono affatto nel 1877: frequentissime invece si mostrarono nel 1882, nel 1888 ed in altre epoche.. Dopo aver durato qualche mese, si affievoliscono gradatamente e scompaiono fino ad una nuova stagione egualmente propizia a questo fenomeno.. A SINISTRA: MARTE SECONDO LA MAPPA DEFINITIVA DI SCHIAPARELLI.. A DESTRA: MIGLIORAMENTO DELLE SUE OSSERVAZIONI DAL 1877 (IN ALTO) AL 1888 (IN BASSO).. PER LEGGERE LA MAPPA IN FORMATO GIGANTE, CLICCARE QUI - TO READ THE MAP IN LARGE SIZE, CLICK HERE.. Il loro singolare aspetto e l'esser disegnati con assoluta precisione geometrica, come se fossero lavori di riga o di compasso, ha indotto alcuni a ravvisare nei canali l'opera di esseri intelligenti, abitatori del pianeta scrisse sempre su.. Io mi guarderò bene dal combattere questa supposizione, la quale nulla include d'impossibile.. Ammesse le linee principali del nostro quadro, non sarà difficile compierlo nei particolari, e disegnare coll'immaginazione i grandiosi argini necessari per contenere nei giusti limiti l'irrigazione; i laghi o serbatoi secondari di distribuzione, necessari per dare le acque a quelle valli non direttamente irrigate; le opere occorrenti per regolare la distribuzione secondo il tempo e secondo il luogo; i canali di primo, secondo, terzo ordine destinati a condurre le acque su tutto il terreno irrigabile; i numerosi opifici, a cui le acque potranno dar moto nel loro scendere dai ciglioni laterali della valle al fondo della medesima.. Marte dev'esser certamente il paradiso degli idraulici!.. , Camille Flammarion respinse l'idea che i canali potessero essere semplicemente crepacci nel ghiaccio, come suggetito dal fisico Fizeau, o voragini aperte dal raffreddamento del pianeta.. Come potrebbe mai la natura tracciare su un globo tali linee rette? Più guardiamo i loro disegni, più ci convinciamo di non poterli attribuire al puro caso.. Le presenti condizioni su Marte sono tali che sarebbe errato negare che possa essere abitato da specie umane la cui intelligenza e i cui metodi d'azione potrebbero essere ben superiori ai nostri.. Né possiamo negare che potrebbero aver raddrizzato l'originale corso dei fiumi e costruito un sistema di canali con l'idea di realizzare un sistema planetario di circolazione idrica.. A SINISTRA: CANALE COPERTO DI NEBBIA IMMAGINATO DA CHESLEY BONESTELL,.. Bonestell Space Art.. A DESTRA: CANALE DI SOLA VEGETAZIONE IMMAGINATO DA DAVID HARDY,.. Astro Art.. HOME.. Pagina 2..

    Original link path: /marte/martians1.html
    Open archive

  • Title: MARTE 2
    Descriptive info: FOTO DI PERCIVAL LOWELL E SUOI DISEGNI Lowell Observatory.. Alcune ipotesi cercarono di spiegare i canali in altri modi ancor più bizzarri.. Elihu Thompson, noto ricercatore elettrotecnico, pensò che fossero tracce del passaggio di animali.. Non essendovi montagne o fiumi molto larghi ad ostacolare la loro marcia, durante le migrazioni annuali gli animali possono spostarsi in linea retta.. La ripetuta fertilizzazione e il lungo processo di usura hanno gradualmente stabilito dei sentieri lungo i quali si è formata una fitta vegetazione, mentre il resto del pianeta è rimasto deserto.. A questa grande distanza la trama delle vie che si intersecano può essere interpretata erroneamente come una rete di canali (citato in David O.. Woodbury,.. Beloved Scientist - Elihu Thompson: A Guiding Spirit of the Electrical Age.. , 1944).. Ci fu anche chi pensò che Marte fosse un pianeta totalmente coperto dall'acqua, e che il suolo di Marte che si vedeva al telescopio fosse in realtà composto da enormi masse galleggianti di alghe giallo-rossastre.. I canali sarebbero stati allora divisioni delle masse provocate dalle correnti marine, attraverso cui si sarebbe vista la vera superficie del pianeta.. il fondo dell'oceano.. Ma quella che i canali fossero condotte idriche fu l'idea dominante.. PAESAGGI MARZIANI (CON CANALI) SECONDO CHESLEY BONESTELL Bonestell Space Art.. Sia Lowell che Wells, però, concordarono sul fatto che i marziani potessero essere diversissimi fisicamente da noi.. Scrisse Lowell in.. Mars.. , libro del 1895: Parlare di abitanti di Marte non significa dire uomini marziani.. Anche su questo mondo l'uomo è il risultato d'un incidente.. Per quanto possiamo vedere, qualche lucertola o batrace avrebbero potuto benissimo prendere il suo posto nella scala evolutiva, ed essere oggi le creature dominanti di questa Terra.. Sotto diverse condizioni fisiche, sarebbe certamente stato così.. Nell'ambiente di Marte, un ambiente così diverso dal nostro, possiamo essere praticamente sicuri che si siano sviluppati altri organismi di cui non abbiamo la minima cognizione.. Che genere di esseri sarebbero, non disponiamo nemmeno dei dati per concepirlo.. Oltre a.. , Lowell scrisse sull'argomento altri due volumi,.. Mars and its Canals.. del 1907 e il già citato.. del 1908.. MARTE VISTO DALL'ASTRONOMO E PITTORE LUCIEN RUDAUX.. Nel saggio.. The Things that Live on Mars.. , apparso nel marzo 1908 sul.. Cosmopolitan Magazine.. , H.. G.. Wells cercò di ipotizzare l'aspetto dei Marziani appellandosi al ragionamento scientifico.. Se diamo per scontato che su Marte l'evoluzione è partita dal protoplasma scrisse, abbiamo ogni ragione per ritenere che le creature di Marte siano diverse dalle creature della Terra, nella forma e nelle funzioni, nella struttura e nei comportamenti.. diverse al di là delle più bizzarre fantasticherie di un incubo.. Probabilmente  ...   nostro potrebbe vedere, e tuttavia essere cieco dove noi vediamo.. E questo accade per tutti i sensi.. Parlando di creature la cui evoluzione si è sviluppata secondo linee diverse, e ha prodotto forme, strutture, relazioni con l'ambiente che non possiamo immaginarci, dobbiamo riconoscere che le loro percezioni potrebbero seguire modalità a noi imperscrutabili.. Nessuna visione antropomorfica è più ingenua di quella che suppone l'esistenza di uomini su Marte.. Nell'universo intellettuale, una simile concezione si colloca nell'ambito delle cosmogonie e delle religioni antropomorfe inventate dalla presunzione infantile dell'uomo primitivo.. Nel 1897 Wells scrisse come esempio iniziale il racconto.. L'uovo di cristallo.. , dove sono raffigurati Marziani di piccole dimensioni, con teste quasi umane, ma ampie ali argentee simili a quelle dei pipistrelli.. , con riflessi arcobaleno.. Lunghi tentacoli si aprono sotto la bocca.. I loro edifici sono senza porte, ma con larghe finestre da cui entrare volando.. Intorno ad essi la fauna comprende grandi farfalle e falene e giganteschi scarafaggi dai brillanti colori.. RAFFIGURAZIONI DEI CANALI DI MARTE, CIRCA 1900, AD OPERA DI UN ARTISTA TEDESCO.. Lowell, che contò ben 437 canali, alcuni lunghi fino a 1500 chilometri e larghi 50 (cioè, tanto ampi da non lasciar vedere la riva opposta), era comunque convinto che i marziani fossero industriosi e benigni.. Scrisse in.. , 1896: E' una mente di ordine elevato, quella che sembrerebbe aver supervisionato il sistema che vediamo.. una mente certo più abile di quella che controlla i vari settori dei nostri lavori pubblici.. I partiti politici non hanno avuto parte in esso, perché il sistema è esteso su tutto il pianeta.. I canali non iniziano a svilupparsi tutti nella stessa stagione annunciò.. Quelli vicini al polo sud cominciano per primi.. Trascorrono alcune settimane prima che compiaiano canali su tutto il disco; proprio lo stesso periodo di tempo che impiegherebbe la vegetazione a germogliare.. Poi si occupò dei punti d'intersezione dei canali, che Schiaparelli aveva definito laghi, e che sembravano assumere una tinta più scura.. Lowell li chiamò.. oasi.. Quando mettiamo tutti questi fatti insieme, la presenza delle chiazze alla giunzione dei canali, le loro dimensioni apparentemente invariabili, i loro scurimenti stagionali, e per finire la somiglianza fra le grandi regioni equatoriali di Marte e i deserti della nostra Terra, l'ingegno suggerisce immediatamente un'unica soluzione: che siano oasi in mezzo a quel deserto.. Di qui la ragione dell'esistenza dei canali stessi, la più naturale concepibile.. cioè che i canali sono costruiti espressamente allo scopo di fertilizzare le oasi, e a ciò si debba la loro curiosa disposizione sistematica.. ALTRE ROMANTICHE VISIONI DEL MARTE CHE FU , AD OPERA DI AUTORI CONTEMPORANEI.. Pagina 1.. Pagina 3..

    Original link path: /marte/martians2.html
    Open archive

  • Title: MARTE 3
    Descriptive info: ILLUSTRAZIONI PER.. GULLIVER OF MARS.. ( Frank Frazetta, A DESTRA.. ILLUSTRAZIONI DI FRANK FRAZETTA PER LA SERIE DI JOHN CARTER OF MARS Frank Frazetta.. Due grandi scrittori di fantascienza ambientarono le loro storie su un Marte lowelliano.. Il primo fu Edgar Rice Burroughs (1875-1950), con una lunga serie di avventure con protagonista, almeno inizialmente, John Carter, reduce della Guerra Civile americana e cercatore d'oro.. Le avventure di John Carter, dei suoi amici e parenti costituiscono un'opera d'immaginazione paragonabile al.. Signore degli anelli.. , e sono ancora oggi così popolari che a Burroughs è stato dedicato un cratere marziano a 72,5S di latitudine e 243,1W di longitudine, e del diametro di circa 104 km.. Tutto iniziò con la pubblicazione nel 1912, sull'.. All-Story Magazine.. , di un romanzo a puntate col titolo.. Under the Moons of Mars.. , più tardi ristampato col titolo definitivo.. A Princess of Mars.. MAPPA DI MARTE (BARSOOM) SECONDO EDGAR RICE BURROUGHS.. John Carter non ha bisogno di un'astronave per andare su Marte: inseguito dagli indiani, mezzo morto, si sente irresistibilmente risucchiato dal pianeta.. Era Marte, il dio della guerra, e mentre lo fissavo mi sembrava che mi chiamasse attraverso quell'abisso impensabile, per adescarmi, per attirarmi come la calamita attira i frammenti di ferro.. Chiusi gli occhi, sollevai le braccia e mi sentii proiettare nell'immensità degli spazi con la rapidità del pensiero.. Fu un istante di estremo freddo e di buio totale.. Poi aprii gli occhi su un paesaggio insolito e misterioso.. Fin dal primo istante si trova catapultato nell'avventura allo stato puro.. Grazie alla minore gravità di Marte (che i suoi abitanti chiamano.. Barsoom.. ), riesce ad avere la meglio su guerrieri, selvaggi, stregoni, creature verdi con quattro braccia (e quattro seni femminili) che cavalcano bestie azzurre a otto zampe, e soprattutto mostri di ogni genere: giganteschi rospi zannuti (con dieci zampe), esseri simili a gorilla e sempre con quattro braccia, e simili.. Dopo una grande battaglia contro una flotta aerea, incidentalmente trova anche una prigioniera di pelle rossastra, la splendida Dejah Thoris, principessa di Helium, la maggiore città del pianeta, che diviene sua moglie.. Dejah è del tutto simile agli uomini (e completamente nuda) ma con la piccola particolarità di deporre uova.. e proprio da un uovo nasce il loro figlio.. Non passava giorno, quando mi trovavo in città, che io e Dejah Thoris non stessimo mano nella mano di fronte al delicato guscio, facendo piani per il futuro per quando si fosse rotto.. Carter apprende l'uso delle armi locali, che vanno dalle spade ai fucili a raggi, e finisce perfino a combattere all'ultimo sangue in un'arena.. Il linguaggio di Barsoom è semplice, ma gli abitanti si servono soprattutto della telepatia.. Vi sono anche umanoidi bianchi e neri.. Su Barsoom non solo manca l'acqua, a parte quella dei canali, ma anche l'aria, che dev'essere prodotta in apposite fabbriche.. Alla fine del romanzo, le fabbriche si guastano e i Marziani cominciano a perdere i sensi per asfissia.. Solo John Carter sa come riavviarle, ma sviene a sua volta nel tentativo, e torna sulla Terra altrettanto misteriosamente di come era arrivato, bramando per anni di tornare dalla bella Dejah, e chiedendosi se all'ultimo istante sia riuscito a salvare i Marziani dal soffocamento.. Nei romanzi successivi apprende a proiettarsi su Marte a volontà.. pur essendo morto e chiuso in una bara.. Se questo sembra un po' strano, tenete a mente  ...   tenuto in catalogo.. è una raccolta di racconti, solo vagamente cuciti insieme tra loro, che narrano la conquista umana di Marte, l'estinzione dei Marziani originari, e, infine, la guerra atomica sulla Terra, lasciando un pugno di coloni marziani come unici sopravvissuti.. L'ultima storia del volume,.. The Million Year Picnic.. , fu in realtà la prima ad essere pubblicata, nel 1946, sulla rivista.. Planet Stories.. E' inutile cercare di riassumere tutti i racconti, che si svolgono dal 1999 al 2026.. Ylla.. , i Marziani vengono presentati così: Avevano una casa a colonne di cristallo sul pianeta Marte ai margini di un mare vuoto, e ogni mattina si poteva vedere la signora K mangiare i frutti d'oro che crescevano sulle pareti di cristallo, o ripulire la casa con manate di polvere magnetica, che, assorbita ogni sporcizia, si dissolveva sulle calde ali del vento.. Nel pomeriggio, quando il mare fossile era caldo e immobile, e le viti stavano irrigidite nell'orto e la lontana cittadina marziana, bianca e ossuta come un teschio, se ne stava tutta chiusa in sé, e nessuno usciva di casa, si poteva vedere lo stesso signor K nella sua camera, intento a leggere un libro metallico dai geroglifici in rilievo, su cui egli passava la mano leggera, come chi suoni un'arpa.. E dal libro, a ogni tocco delle dita, si levava una voce, voce dolce e antica, a cantar di quando il mare era come una nube rossa di vapore sulla spiaggia e uomini antichi avevano portato nugoli di insetti metallici e di ragni elettrici in battaglia.. I coniugi K vivevano da vent'anni presso il mare estinto e i loro avi avevano vissuto nella stessa casa, che girava su se stessa, seguendo il sole, come il fiore, da dieci secoli.. ILLUSTRAZIONE DI MICHAEL WHELAN PER LA SERIE DI JOHN CARTER OF MARS Del Rey Books.. Uno dei racconti migliori delle.. è.. Mars is Heaven!.. , in cui i Marziani accolgono i conquistatori terrestri creando il miraggio di una tranquilla cittadina americana, fino addirittura ad apparire sotto le spoglie dei loro cari scomparsi.. I terrestri si abbandonano fiduciosi a quell'ambiente familiare, senza nemmeno chiedersi come sia apparso, ma in realtà è solo una trappola, e durante il sonno i Marziani li massacrano.. Un attimo prima dell'agguato, il comandante ha un'improvvisa rivelazione: Supponiamo solo che ci fossero dei Marziani che vivevano su Marte e avessero visto la nostra nave arrivare.. e che ci odiassero.. che volessero distruggerci come invasori, come indesiderati; e che volessero farlo in modo molto astuto, così da prenderci di sorpresa.. quale sarebbe l'arma migliore che un Marziano potrebbe usare contro terrestri con la bomba atomica? Il racconto preferito dallo stesso Bradbury, tuttavia, è.. There Will Come Soft Rains.. , e non si svolge su Marte ma sulla Terra del dopobomba atomico: la protagonista è.. una casa, completamente automatizzata, dove i robot continuano a svolgere mansioni ormai inutili perché gli abitanti sono morti.. Poi, oltre a queste, Bradbury scrisse molte altre storie marziane che non sono mai state riunite insieme, la migliore delle quali è probabilmente.. The Lost City of Mars.. , pubblicata nel 1967 su.. Playboy.. Una curiosità: nel 1980 venne tratta dal libro una miniserie TV trasmessa anche in Italia, ma si rivelò così orrenda che in seguito lo sceneggiatore telefonò a Bradbury per scusarsi.. ILLUSTRAZIONE DI MICHAEL WHELAN PER LE.. CRONACHE MARZIANE.. DI BRADBURY Bantam Books.. Pagina 4..

    Original link path: /marte/martians3.html
    Open archive

  • Title: MARTE 4
    Descriptive info: SCHEMA DEI CANALI SECONDO CHARLES HOUSDEN.. Schiaparelli in Italia, Flammarion in Francia e il nostro Lowell hanno fatto dello studio di Marte lo scopo della loro vita scrisse il.. New York Herald.. del 19 maggio 1895.. Essi hanno trovato sul pianeta fratello del nostro tali segni di una civiltà avanzata che anche i più scettici hanno ammesso la plausibilità delle affermazioni degli astronomi, concedendo la possibilità che siano vere.. Un ingegnere di nome Charles E.. Housden descrisse perfino un posssibile schema di tutta la rete di canali, con tanto di dighe e stazioni di pompaggio.. I TERRESTRI CERCANO DI COMUNICARE CON MARTE CON IMMENSI FASCI LUMINOSI.. RICEVUTI DA MARZIANE DISCINTE CHE CI GUARDANO COMODAMENTE (DA.. THE LONDON MAGAZINE.. , MAGGIO 1907).. L'intero castello di illazioni marziane fatte da Lowell si basò sulle sue presunte osservazioni dei canali fatte dagli osservatori di Flagstaff, in Arizona, e Tacubaya, in Messico, fondati da lui stesso a proprie spese.. Lowell credeva il clima di Marte abbastanza temperato, e l'atmosfera abbastanza densa, da sostenere la vita.. Ma riteneva che ormai non vi fossero più creature selvatiche su Marte, avendole i Marziani sterminate o addomesticate tutte per non sprecare la preziosa acqua.. Lo scenario marziano presentato da Lowell era il seguente: un mondo vecchio e inaridito, dove una razza antica e progredita lottava per sopravvivere, producendo da sé, nelle città, tutto quanto necessario al proprio mantenimento, mentre i deserti la attorniavano ovunque.. Un deserto planetario dove i luoghi fertili sono l'eccezione, non la regola, dove l'acqua è ovunque scarsa, e dove l'unica via di salvezza sta nella periodica fusione della neve e del ghiaccio che ogni anno si raccolgono intorno ai poli.. ALTRA VISIONE MARZIANA DI LUCIEN RUDAUX.. Come Lowell scrisse in.. nel 1908, la lotta per l'esistenza su un pianeta decrepito e degradato punterebbe ad evolvere l'intelligenza fino ad affrontare circostanze sempre e sempre più avverse.. L'intercomunicazione dell'intero globo diverrebbe non solo possibile, ma obbligatoria.. Ciò porterebbe alla facile diffusione su di esso di qualche creatura dominante - specialmente se il suo intelletto fosse d'un ordine avanzato - in grado di superare le limitazioni corporee per migliorare le proprie condizioni tramite l'esercizio mentale.. Mentre l'assenza di mari la renderebbe più difficile, l'assenza di montagne  ...   i suoi calcoli, il liquido prodotto dallo scioglimento delle calotte non avrebbe avuto la forza di scorrere da solo sul pianeta per lunghi tratti.. L'influenza di Lowell fu tale che perfino il.. Wall Street Journal.. suggerì che come maggior evento dell'anno 1907 fosse riconosciuta la prova, tramite osservazioni astronomiche, che vita cosciente e intelligente esiste sul pianeta Marte.. PRIMO CONTATTO FRA MARZIANI E TERRESTRI.. A SINISTRA: DAL ROMANZO DI FENTON ASH.. A SON OF THE STARS.. , 1907, ILLUSTRAZIONE DI WATSON CHARLTON.. A DESTRA: SEMPRE DAL ROMANZO DI FENTON ASH.. A TRIP TO MARS.. , 1909, ILLUSTRAZIONE DI W.. H.. C.. GROOME.. Sebbene scavare i canali fosse un'impresa titanica, Lowell non la riteneva insormontabile.. Per la costruzione dei canali, in primo luogo scrisse in.. gli esseri di un piccolo pianeta potrebbero essere più grandi e più possenti che su uno più grosso, a causa della minore gravità che agisce sui loro corpi.. Un elefante su Marte potrebbe saltare come una gazzella.. In secondo luogo, la vecchiaia della razza significa intelligenza, in grado di domare la natura a piacimento, come noi oggi domiamo l'elettricità.. Infine, lo stesso lavoro sarebbe sette volte più leggero.. perché la gravità su Marte è solo il 38% di quella sulla superficie terrestre: e il lavoro che si può opporre alla forza di gravità con lo stesso impiego di energia è inverso al quadrato di quella forza.. Allora, un fossato sette volte più lungo di uno sulla Terra potrebbe essere scavato su Marte con la stessa facilità.. Inoltre, fece osservare in.. , se i canali sono costruiti a scopi d'irrigazione, è evidente che quello che vediamo non è affatto il vero canale, ma la striscia di terra fertile che lo costeggia.. essendo il filo d'acqua al centro, il canale vero e proprio, di gran lunga troppo sottile per essere percettibile.. Nel caso di un canale irriguo osservato a distanza, è sempre la vegetazione, non il canale, a risultare visibile, come ci accorgiamo anche sulla Terra.. Sempre fidandosi ciecamente di Lowell, il 27 agosto 1911 il.. New York Times.. annunciò che i Marziani avevano improvvisamente costruito due immensi canali in soli due anni!.. ALTRO PAESAGGIO MARZIANO DI BONESTELL, GUARDANDO VERSO IL POLO Bonestell Space Art.. Pagina 5..

    Original link path: /marte/martians4.html
    Open archive

  • Title: MARTE 5
    Descriptive info: Lowell era convinto che le oasi alle intersezioni dei canali fossero le megalopoli dei marziani.. Come scrisse in.. , La loro relazione col sistema di linee è impressionante, poiché appaiono alle giunzioni.. solo, e praticamente sempre, alle giunzioni.. La loro natura è quindi quella di punti nodali della rete.. Le osservazioni mostrano che le oasi mutano sia di dimensioni che di colore.. In certe stagioni sbiadiscono, lasciando solo un nucleo scuro relativamente piccolo.. Sono così formate da due parti, un contorno e un nucleo.. Il contorno è indice di vegetazione, come quella dei canali; il nucleo può benissimo essere formato dalla popolazione residente.. Il fatto che le più grandi abbiano un diametro di circa 75 miglia, sembra offrire uno spazio sufficiente per vivere e per il sostentamento della vita.. Se le nostre città dovessero provvedere da sé al proprio mantenimento, potrebbero ben essere di grandezza simile.. Il libro.. Mars and Its Canals.. traeva le seguenti conclusioni: Una delle cose che rendono Marte di così trascendentale interesse per l'uomo è che esso permette di prevedere il corso che seguirà l'evoluzione terrestre.. Sul nostro mondo siamo stati capaci solo di studiare il presente e il passato: in Marte siamo in grado di intravedere, in certa misura, il nostro futuro.. Lowell riteneva infatti che anche la Terra avrebbe finito per inaridirsi come Marte, e che, per far fronte alla costruzione dei canali, i marziani avessero già dovuto adottare un modello di sviluppo radicalmente diverso da quello seguito finora dai terrestri, rinnegando le guerre e unendosi fraternamente in un'unica comunità planetaria.. La prima cosa cui siamo forzati a credere, in definitiva, è il carattere ovviamente intelligente e non bellicoso della comunità che ha potuto operare in modo così unanime su tutto il suo globo.. ABITANTI E ANIMALI DI MARTE VISTI NEL 1908 DA COSMOPOLITAN NELL'ARTICOLO DI WELLS.. THE THINGS THAT LIVE ON MARS.. Quelli che si vedevano dalla Terra non erano i canali veri e propri, ma le piantagioni che crescevano intorno ad essi.. Un membro della British Astronomical Association aveva stimato che la loro costruzione sarebbe equivalsa a quella di 1.. 634.. 000 Canali di Suez, e avrebbe occupato 200 milioni di uomini per mille anni.. Ma secondo Lowell, i Marziani potevano essere molto più robusti e forzuti dell'uomo.. Supponiamo che un abitante di Marte sia tre volte più sviluppato di un essere umano scrisse in.. Se fosse sulla Terra, peserebbe ventisette volte di più, ma sulla superficie di Marte, poiché la gravità lì è solo un terzo circa di quella terrestre, peserebbe solo nove volte tanto.. La sezione dei suoi muscoli sarebbe nove volte la nostra.. Di conseguenza, sarebbe capace di stare in piedi con la stessa nostra facilità.. Ora considerate il lavoro che potrebbe fare.. I suoi muscoli sarebbero tutti ventisette volte più forti dei nostri, ed esso potrebbe lavorare ventisette volte di più.. Ma a causa della gravità ridotta, lo sforzo da superare sarebbe solo un terzo.. La sua forza effettiva, perciò, sarebbe ottantuno volte maggiore di quella umana nello scavare i canali o in qualsiasi altra occupazione.. Poiché la gravità sulla superficie di Marte è in realtà un po' più di un terzo di quella terrestre, il vero rapporto non è ottantuno ma circa cinquanta; cioè, un Marziano sarebbe, fisicamente, cinquanta volte più efficiente dell'uomo.. Inoltre, la costruzione dei canali poteva  ...   in cinese (ma non in italiano), la fama di Lasswitz restò confinata alla Germania, e il suo volume fu edito in inglese solo nel 1971 dietro personale interessamento di Wernher von Braun, che scrisse nella prefazione: Non ho mai dimenticato con quanta sorpresa e curiosità divorai questo libro da ragazzo.. Più o meno, insomma, com'era accaduto a Gernsback.. In.. , alcuni esploratori artici scoprono una base stabilita dai marziani al Polo Nord, e ciò porta alla guerra fra marziani e terrestri.. Ma i marziani, dopo aver conseguito la vittoria senza spargimento di sangue grazie alla loro enorme supremazia tecnologica, dichiarano la Terra loro protettorato e vi instaurano un regime pacifico, abolendo le nazioni.. Le uniche notizie che in Italia è possibile trovare su questo saggio-romanzo vengono dal libro.. I razzi.. , di Willy Ley (Bompiani, 1948): Lasswitz aveva trattato molto ampiamente il problema dei marziani.. Se questa razza era tanto antica, doveva esservi su Marte tutta una serie di inventori e di istituti scientifici, che avrebbero già risolto le difficoltà del volo spaziale scrisse Ley.. Per conseguenza i marziani avrebbero visitato la Terra.. Quanto ai canali, si trattava di ampie fasce d'alta vegetazione attraverso il deserto (data la minore forza di gravità, su Marte gli alberi sarebbero stati giganteschi).. Queste foreste mascheravano le costruzioni delle sparse città e le strade mobili (quando il traffico è molto denso una strada mobile offre più vantaggi dei veicoli isolati).. La preziosissima acqua era convogliata in condotti, onde evitarne l'evaporazione, e non se ne sciupava che una minima quantità per irrigare le piante.. Il cibo, infatti, dato che i marziani erano molto progrediti nella chimica, sarebbe stato sintetico e così poco costoso da essere praticamente gratuito.. Le opinioni del pubblico riguardo i canali di Marte furono condensate da un popolare libro di Desiderius Papp, apparso in Italia nel 1935, e intitolato.. Chi vive sulle stelle?.. (Bompiani).. Papp descrisse così la possibile civiltà tecnologica marziana: Batterie di macchine colossali stanno presso i campi di ghiaccio dei poli, centri di forza motorizzata, a fronte delle cui enormi dimensioni i più colossali stabilimenti industriali d'America sembrano nani.. Esse, ancora alla distanza di 4000 chilometri dai poli, là dove occorre irrigare piantagioni di particolare estensione, possono riempire dell'acqua fusa dei campi di ghiaccio perfino canali doppi, tracciati l'uno accanto all'altro.. ILLUSTRAZIONI DI FRANK R.. PAUL Forrest J.. Ackerman.. Le macchie circolari tra un canale e l'altro sono le grandi città dei Marziani proseguì Papp.. In quelle città, migliaia di alti edifici ergono le loro torri al cielo: anche i più bassi di questi eguagliano i grattacieli americani.. Lassù, la forza di gravità è quasi tre volte minore che nelle bassure del nostro mondo; i Marziani possono quindi edificare con maggiore facilità di noi terrestri simili gigantesche costruzioni.. La ferrea necessità di dare dimora a molti milioni di abitanti nei pochi punti d'intersezione della rete dei canali senza rubare spazio alle piantagioni prosperanti in quei pochi luoghi ricchi d'acqua, forzò i Marziani a fabbricare le loro città non nel senso della larghezza ma dell'altezza.. I Marziani avrebbero vinto il freddo del loro pianeta con l'ausilio dell'energia elettrica, e sterminato tutti gli animali per non dividere con loro le scarse risorse.. SCENE MARZIANE DAL RACCONTO DEL 1923.. THE SHIP THAT SAILED TO MARS.. , SCRITTO E ILLUSTRATO DA WILLIAM TIMLIN.. Pagina 6..

    Original link path: /marte/martians5.html
    Open archive

  • Title: MARTE 6
    Descriptive info: MARTE VISTO DA DEIMOS SECONDO CHESLEY BONESTELL Bonestell Space Art.. Con una simile presunta abbondanza di forme di vita a breve distanza da noi, non deve sorprendere che si facessero anche ardite speculazioni sulla possibilità di comunicare con altri pianeti.. Il problema era, innanzitutto, quello di far sapere ai Marziani che la Terra era abitata.. Charles Cros (1846-1888) immaginò di farlo addirittura incidendo un messaggio sulle sabbie di Marte per mezzo della luce concentrata da un gigantesco specchio, e ne parlò nel 1869 in un opuscolo intitolato.. Études sur les moyens de communication avec les planètes.. Verso il 1820, il matematico Karl Friedrich Gauss (1777-1855) propose di piantare nella desolata Siberia una foresta di pini ampia 10 meglia, a formare i lati di un triangolo.. Dentro il triangolo sarebbe stato piantato grano, per rendere visibile il contrasto fra i colori.. Anche d'inverno i pini avrebbero contrastato col bianco della neve.. Nel 1840 l'astronomo Joseph Johann von Littrow (1781-1840) suggerì di scavare nel Sahara un immenso fossato circolare, del diametro di 20 miglia, riempirlo d'acqua, ricoprirlo di petrolio e dargli fuoco.. METODI SUGGERITI PER COMUNICARE COI MARZIANI.. IN ALTO: PROPOSTA DI CHARLES CROS.. IN BASSO A SINISTRA: PROPOSTA DI GAUSS.. IN BASSO A DESTRA: PROPOSTA DI VON LITTROW.. Il padre dell'astronautica Konstantin Tsiolkowskij (1857-1935) suggerì nel 1896 di inviare segnali ai Marziani per mezzo di specchi rotanti.. Un francese di nome Mercier pubblicò nel 1899 un opuscolo intitolato.. Communication avec Mars.. , che descriveva un complesso schema in cui raggi solari avrebbero dovuto essere riflessi da una zona illuminata della Terra ad una immersa nella notte, per risultare visibili nel buio.. Un certo Schmoll propose di piazzare sulla Terra specchi disposti in modo tale da imitare le principali costellazioni.. Ma nel 1909 l'astronomo Edgar Lucien Larkin scrisse nello.. Scientific American.. che comunicare otticamente con Marte sarebbe stato impossibile.. Per inviare un segnale luminoso ampio un decimo di secondo d'arco, sarebbe occorso uno specchio largo 83 chilometri.. Tutto il carbone conosciuto sarebbe consumato dalle macchine incaricate di muovere questo specchio montato equatorialmente, e gli enormi alberi dell'elica di un transatlantico sembrerebbero capelli in confronto al suo asse.. Forse, comunque, i Marziani avevano già avuto idee simili.. sembrò infatti, riferì il.. San Francisco Chronicle.. del 2 giugno 1895, che sulla mappa di Marte fosse visibile la parola.. Shajday.. , cioè.. Onnipotente.. in ebraico.. A SINISTRA: ANCHE I MARZIANI OSSERVANO LA TERRA IN QUESTA STORICA ILLUSTRAZIONE DI ALBERT ROBIDA (1901).. A DESTRA: ALTRE DUE VISIONI DEI CANALI DI MARTE, CON UN GRANDE BASTIMENTO A SOLCARLI.. Come raccontò Camille Flammarion sul periodico.. Astronomie.. nel 1891, una ricca francese mise in premio 100.. 000 franchi per la persona di qualunque nazione che troverà il modo entro i prossimi dieci anni di comunicare con una stella (pianeta o altro) e di ricevere una risposta.. E' specialmente designato il pianeta Marte, sul quale l'attenzione e le investigazioni di tutti gli scienziati sono già dirette.. Il padre della missilistica Robert H.. Goddard, il primo a considerare la possibilità di inviare un razzo su Marte, parlò della possibilità di incontrare marziani in un saggio del 1902 intitolato.. The Habitability of Other Worlds.. Il celebre inventore Nikola Tesla (1856-1943) dichiarò addirittura di aver rivevuto un messaggio radio da Marte sulla rivista.. nel 1901, e affermò che le comunicazioni interplanetarie sarebbero diventate l'idea dominante del Ventesimo secolo.. Sono certo che con un apparato adeguatamente costruito, sarà possibile trasmettere energia ad altri pianeti, come Marte e Venere, anche alla loro massima distanza dalla Terra.. La tecnica darà la risposta pratica al problema di trasmettere e ricevere da e verso altri mondi.. Più tardi, anche Guglielmo Marconi dichiarò al.. Daily Mail.. del 26 gennaio 1920 e al.. del 2 settembre 1921 di aver captato altri possibili messaggi in codice Morse: Noi riceviamo occasionalmente dei segnali che potrebbero venire da un punto situato fuori del globo terrestre.. Abbiamo osservato che questi segnali formano delle lettere, di cui alcune, e particolarmente tre punti della lettera S, vengono ripetute con maggiore frequenza delle altri; ma in nessun caso questa riunione di lettere permette di formare un messaggio intelligibile.. Questi segnali non solo sono stati registrati simultaneamente a Londra e a New York e in queste due città la loro intensità era identica, ciò che sembra indicare che essi emanino da un punto oltremodo lontano, in confronto del quale i cinquemila km che separano Londra da New York sono una piccola distanza.. Facendosi trascinare, J.. MacBeth, capo della Marconi Wireless Telegraph Company, asserì che la Terra era già sul punto di comunicare con Marte! Flammarion, invece,  ...   fantascienza perché descrisse per la prima volta tute e passeggiate spaziali, raggi della morte e battaglie fra astronavi.. La guerra giunge a un punto morto, ma Edison ha l'idea di inondare il pianeta manomettendo il sistema dei canali.. La civiltà marziana è distrutta e Edison fa altre scoperte.. inclusa quella che i Marziani erano già stati sulla Terra e avevano costruito loro le Piramidi!.. ILLUSTRAZIONI INTERNE DI FRANK R.. PAUL: L'ARRIVO E L'INGLORIOSA FINE DEI MARZIANI.. Il declino dell'Era dei Marziani iniziò proprio in quello che sembrò il suo momento di maggior trionfo, e cioè con la finta guerra dei mondi radiofonica inscenata nel 1938 da Orson Welles.. (Lowell era già morto da tempo, nel 1916).. Come sappiamo adesso, nei primi anni del XX secolo questo mondo era stato osservato da intelligenze superiori a quella dell'uomo, proprio come quando un uomo scruta al microscopio le creature che si moltiplicano in una goccia d'acqua.. Con totale indifferenza la gente andava curandosi solo di questioni insignificanti.. Eppure, attraverso l'immensa vastità dell'etere, menti che stavano alla nostra come la nostra a quelle degli animali della giungla, intelletti freddi e spietati, guardavano questa terra con occhi invidiosi e lentamente, metodicamente, tracciavano piani contro di noi.. DUE RARITA': UN MARZIANO SCHIZZATO DA H.. WELLS IN PERSONA E UN MODELLINO CREATO DA RAY HARRYHAUSEN (MA MAI UTILIZZATO).. Fu così che Welles, allora appena 23enne, fece iniziare, la sera del 30 ottobre (Halloween!), il suo adattamento del romanzo del quasi omonimo Wells, per la CBS.. Il celebre attore e regista aveva trasposto l'azione nello scenario americano, usando nomi di personaggi, città e strade realmente esistenti, e molti, sintonizzatisi tardi, non sentirono l'annuncio che quello era solo un programma di fiction.. La sceneggiatura, diventata leggendaria al pari del romanzo, fu opera di Howard Koch, in seguito scrittore di film di altrettanto successo.. Come nel romanzo, i marziani giungevano sulla Terra dentro proiettili simili a giganteschi meteoriti.. Il primo ebbe l'onore di cadere a Grover's Mill, un piccolissimo paesino del New Jersey.. Mentre si raccoglieva una folla, il radiocronista descriveva un marziano: Qualcosa striscia fuori dall'ombra come un serpente grigio.. Ecco, vedo il corpo di quell'essere, grosso come un orso e lucido come cuoio bagnato.. La bocca è a forma di V, e la saliva gocciola dai bordi tremolanti e pulsanti.. Dopo che i marziani avevano sterminato tutti col raggio incendiario, la radiocronaca cedeva il passo a notizie sempre più catastrofiche e a comunicati delle autorità, incluso il ministro degli Interni.. Le macchine da guerra marziane spazzavano via interi eserciti, usando anche il gas velenoso.. Dopo pochi minuti l'azione si spostava a New York.. Sto parlando dal tetto di un grattacielo diceva un altro radiocronista.. Le campane che sentite suonano per avvertire la gente di evacuare la città mentre i marziani si avvicinano.. Un fumo nero si dirige sulla città.. La gente nelle strade lo vede.. Corrono verso l'East River.. a migliaia, come topi.. Ora il fumo si sparge più veloce.. Ha raggiunto Times Square.. La gente cerca di fuggire, ma è inutile.. Cadono come mosche.. Ora il fumo attraversa la Fifth Avenue.. è a 100 metri.. a 50 metri.. ORSON WELLES DURANTE LA TRASMISSIONE E LA PRIMA PAGINA DI UN GIORNALE DELL'EPOCA.. A questo punto, gli ascoltatori erano già in preda al panico.. Una certa signora Delaney, che viveva in un sobborgo di New York, raccontò: Tenevo un crocifisso in mano e pregavo mentre guardavo fuori dalla finestra.. Volevo sentire l'odore del gas per sapere quando chiudere ermeticamente la finestra col mastice o qualunque altra cosa ci fosse a portata di mano.. Quando i mostri attraversarono l'Hudson River volevo correre sul tetto per vedere com'erano fatti, ma non riuscii a staccarmi dalla radio.. In un college, le studentesse tremanti e piangenti telefonarono ai loro cari per l'ultima volta.. Il signor Archie Burbank, che aveva sentito la radio in macchina, disse: Corremmo tutti in una drogheria e chiedemmo al proprietario di farci scendere in cantina.. Lui ci cacciò via.. All'improvviso il radiocronista fu gassato, la trasmissione si interruppe e cercammo un'altra stazione, ma non ne trovammo nessuna.. Allora andammo a fare benzina per prepararci a scappare il più lontano possibile.. Uno studente si precipitò a salvare la sua ragazza.. Avevamo sentito che Princeton era stata spazzata via e che il gas si spargeva su tutto il New Jersey, così mi immaginai che non ci fosse più niente da fare.. che i nostri amici e familiari fossero tutti morti.. I nomi delle cittadine lungo le autostrade, e degli ospedali citati, sembravano così reali.. ALTRE EDIZIONI DI.. Pagina 7..

    Original link path: /marte/martians6.html
    Open archive

  • Title: MARTE 7
    Descriptive info: COPERTINA E ILLUSTRAZIONE INTERNA DI FRANK R.. Gli uomini della Guardia Nazionale telefonarono ai loro reparti per sapere dove armarsi e riunirsi.. A New York, i permessi dei marinai vennero revocati e fu loro ordinato di tornare alle navi.. Perfino la polizia dovette informare le autopattuglia che era solo finzione.. Per evitare che il panico si spargesse anche in ospedali e carceri, fu ordinato di spegnere i ricevitori.. Secondo il.. , a Newark, NY, venti famiglie fuggirono da un solo isolato con tovaglioli a fazzoletti anti-gas sulla bocca, e qualcuno iniziò a traslocare con tutti i mobili.. Per ristabilire la calma occorse inviare una squadra di polizia e un'ambulanza.. con bombole d'ossigeno, perché molti si sentivano già soffocare.. Molti entrarono strillando in chiese, locali pubblici e cinema per avvertire dell'invasione.. Il barista Emanuel Priola cacciò via gli avventori, chiuse e andò in soccorso di moglie e figli.. Dapprima pensai che fosse roba alla Buck Rogers, ma quando un amico mi telefonò che era stato emanato l'ordine di evacuare tutti, buttai fuori i clienti e mi misi alla guida verso casa.. Un uomo insistette che l'ordine d'evacuazione era stato dato dalla voce del Presidente in persona.. Un altro raccontò che nel centro di New York, a Broadway, centinaia di persone fermarono i conducenti di taxi per sapere tutta la storia dalle loro radio: E' stata l'impresa più asinina che abbia mai sentito.. Comunque, non tutti cercarono di fuggire.. Un uomo tornò a casa ignaro di tutto e trovò la moglie in bagno con una bottiglia di veleno in mano, che diceva Preferisco morire così che in quel modo.. D'altra parte, sentendo che era caduta una meteora , i geologi Arthur Buddington e Harry Hess dell'Università di Princeton andarono seraficamente a prelevarne un campione, e portarono anche i loro studenti.. Nel New Jersey un tizio entrò affannato a portare la notizia in una chiesa battista, durante la funzione, e il pastore, reverendo Thomas, chiese a tutta la congregazione di pregare per la liberazione della Terra.. La reazione più commovente fu in un'altra chiesa presbiteriana di Plainsboro, dove Mabel Dey, una ragazzina di 16 anni, suonava l'organo.. Chinai il capo, pregai e pensai:.. 'Se questa è la fine del mondo, non potrei trovarmi in un luogo migliore.. Sono nella casa del Signore'.. ENTRAMBE LE COPERTINE SOTTOSTANTI SONO DI HOWARD BROWN.. La situazione stava precipitando al punto che lo stesso direttore della CBS chiese di fermare la trasmissione, dicendo che la gente era spaventata.. Spaventata? si narra che ribatté Welles.. Bene! E'.. proprio.. così che dev'essere! Infine, seguendo sempre la trama del romanzo, gli invasori morivano perché infettati dai germi terrestri.. E il programma si concludeva con: Qui è Orson Welles, signore e signori, che vi assicura che La guerra dei mondi non aveva altro scopo che fornirvi un sano intrattenimento.. Così arrivederci a tutti, e domani ricordate, per favore, che quel sogghignante, lucente essere globulare che vi ha invaso il soggiorno non è altro che l'abitante di un campo di zucche, e se il vostro campanello suona e non c'è nessuno, non è un marziano.. è solo Halloween.. Welles disse in seguito: Non credo che sceglieremo mai più nulla del genere.. Ma in un'intervista televisiva del 1955, ammise che l'effetto era stato voluto, poi ritrattò.. La verità non si saprà mai.. Come se non bastasse, H.. Wells si indignò per lo scempio fatto del suo classico e chiese pubbliche scuse.. GROVER'S MILL: MONUMENTO ALLA.. GUERRA DEI MONDI.. Oggi a Grover's Mill sorge addirittura un monumento per ricordare l'arrivo dei Marziani.. In seguito uscì un intero libro sull'accaduto, intitolato.. The Invasion from Mars.. e scritto da Hadley Cantril, che cercò di analizzare le cause e la dinamica del panico.. (Paradossalmente, uno degli ascoltatori che non avevano creduto alla trasmissione era proprio un assiduo lettore di.. !) La conclusione fu che il fattore determinante era stata la paura di una nuova guerra mondiale, e qualcuno credette addirittura che i marziani fossero.. tedeschi.. ! Mabel Dey ricorda: Al liceo avevo appena saputo di Hitler e dei suoi piani per conquistare il mondo.. E forse quei Marziani erano alleati di Hitler.. LA GUERRA DEI MONDI.. A FUMETTI, STRANAMENTE TUTTI RECENTI.. O forse fu semplicemente la Paura dell'Ignoto, perché un episodio analogo si verificò il 12 febbraio 1949, in uno scenario ancor più inaspettato.. a Quito, capitale dell'Equador.. Nello stesso edificio erano ospitati il giornale.. El Comercio.. e la stazione.. Radio Quito.. , entrambi seguitissimi.. Il direttore della radio, Leonardo Paez, cercava qualcosa che attirasse ancor più l'attenzione.. e lo ottenne.. Decise di mettere in onda un nuovo adattamento dello sbarco dei Marziani, ma reinventato senza alcun riferimento al testo di Wells, e apertamente presentato come un notiziario autentico! Secondo il programma, i Marziani erano sbarcati a una ventina di miglia dalla città e avanzavano sotto forma di una nube.. La base aerea di Mariscal Sucre è stata catturata dal nemico e distrutta.. Stanno spazzando via tutto! Un finto sindaco di Quito proclamò: Gente, difendiamo la nostra città.. Donne e bambini devono rifugiarsi sulle alture circostanti per lasciare gli uomini liberi di agire e combattere.. Poi si disse che un mostro di fuoco e fumo era in marcia verso la capitale.. A questo punto, migliaia  ...   del pensiero.. Il primo consiste nel parlare in una piccola scatola con un boccaglio su un lato, simile a quello di un telefono.. Ogni parola pronunciata è espressa dal meccanismo come una sorta di segno complicato su una piccola piastra di metallo, e quando il messaggio è finito, la piastra viene espulsa fuori contrassegnata in caratteri cremisi, che possono essere letti facilmente da chiunque abbia conoscenza dello schema.. L'altro sistema è scrivere a mano, ma si tratta di un talento enormemente più difficile, dato che la scrittura è un genere molto complicato di stenografia che può essere vergato con la stessa velocità con cui si parla.. E' in questo scritto che tutti i loro libri sono stampati, e questi libri sono solitamente dei rulli di metallo flessibile molto sottile.. L'incisione sul metallo è estremamente minuscola ed è consueto leggerla tramite un ingranditore.. L'elettricità sembra essere la sola forza motrice, e tutte le specie di macchine sono impiegate universalmente per ridurre il lavoro.. La gente è in complesso indolente, particolarmente dopo la prima gioventù.. Ma i Marziani hanno addestrato i vari generi di animali domestici ad uno stato ben più alto di cooperazione intelligente rispetto alla Terra, di modo che il lavoro del giardiniere e del servo è fatto da queste creature senza bisogno di istruzioni.. Hanno portato i loro studi medici e scientifici a tale perfezione che ogni malattia è stata eliminata, e perfino i segni ordinari dell'età avanzata sono stati in larga misura cancellati.. Praticamente nessuno sembra vecchio; ma, dopo una vita alquanto più lunga della nostra, il desiderio di vivere finisce per attenuarsi, e il Marziano si dà la morte da solo.. LOCANDINE DEL PRIMO FILM TRATTO DA.. (1954).. Con la crescente diffusione e potenza della radio, venne fatto un tentativo definitivo di captare eventuali trasmissioni dei Marziani.. Diversamente da quelli di Marconi e Tesla, si trattò di uno sforzo organizzato, il 23 agosto 1924, quando Terra e Marte si trovarono a soli 55 milioni di chilometri di distanza.. Il professor David Todd, astronomo dell'Amherst College, cercò di convincere il governo americano a spegnere le emittenti radio del Paese per cinque minuti ogni ora, per evitare interferenze, e richiedere al resto del mondo di fare lo stesso! La proposta non fu ovviamente accolta, ma l'Esercito e la Marina ordinarono ugualmente ai loro operatori di stare in guardia.. L'Esercito mise a disposizione anche uno dei migliori crittografi di allora, William Friedman, per decifrare i supposti messaggi marziani, e la Marina issò il radioricevitore su un dirigibile a 3000 metri di quota.. Todd aveva chiesto l'assistenza di Francis Jenkins, uno dei padri della televisione, per registrare eventuali messaggi su nastro, tramite un congegno chiamato Radio-Camera, già usato dai giornali come antenato via etere del fax.. Jenkins accettò e dopo 36 ore il risultato fu un nastro fotografico lungo 25 piedi, contenente 16 fotogrammi, sui quali si vedevano, secondo il.. New York Times.. del 28 agosto, una disposizione alquanto regolare di punti e linee, in bianco e nero, che ad intervalli quasi identici sono curiosamente raggruppati ad assumere la forma di una faccia rozzamente disegnata.. Naturalmente, il nastro è oggi scomparso e gli ufologi dicono che fu immediatamente sequestrato dalle autorità.. SCENE DEL PRIMO FILM TRATTO DA.. Nel film che, nel 1954, George Pal e Byron Haskin trassero con molta libertà da.. (portando anche in questo caso l'azione negli USA), i temi dei Marziani e degli UFO erano già fusi insieme.. L'idea di trarre un kolossal dal romanzo di Wells risaliva, comunque, addirittura al 1925, quando i diritti furono acquistati da Cecil DeMille.. Negli anni '30 si parlò come possibili registi di Alfred Hitchcock e perfino del russo Eisenstein, quello della.. Corazzata Potemkin.. Essendo impossibile realizzare con le tecniche dell'epoca i tripodi immaginati da Wells, vennero sostituiti da macchine volanti disegnate da Al Nozaki, ancora più impressionanti, che sembravano veramente realizzate da alieni.. Il gas venne rimpiazzato da due tipi diversi di raggi della morte , il cui agghiacciante suono fu ottenuto con delle.. chitarre elettriche.. Le scene celesti all'inizio del film furono dipinte dal celebre illustratore Chesley Bonestell.. Il film di Pal e Haskin si distaccava dal romanzo ancor più di quanto non avesse fatto Orson Welles, ma Pal dichiarò in seguito di essere stato costretto a inserire una storia d'amore e perfino.. la bomba atomica (ma i Marziani erano invulnerabili anche a quella).. Per mostrare il meglio della tecnologia americana, nel film la bomba veniva sganciata da un bizzarro prototipo di ala volante.. In seguito il prototipo si schiantò nel deserto.. LOCANDINE DI VARI FILM MARZIANI.. Negli anni '70 le vicende del 1938 furono a loro volta rievocate in un altro film, diretto da Joseph Sargent e intitolato.. The Night That Panicked America.. Memorabile la scena in cui gli abitanti di Grover's Mill sparano su una cisterna credendola un tripode marziano.. Inoltre, gli stessi uomini stavano già per compiere il percorso opposto: essere loro ad invadere Marte.. Ma, in confidenza, era meglio prima.. E mentre dalle strologazioni degli ufologi non si è mai ricavato nulla, fu proprio all'osservatorio lasciato da Lowell che venne scoperto il pianeta Plutone.. SCENE DEL FILM.. MY FAVOURITE MARTIAN.. (1999): UNA CITTA' MARZIANA MODERNA (A SINISTRA) E UN MARZIANO (A DESTRA).. Pagina 8..

    Original link path: /marte/martians7.html
    Open archive

  • Title: MARTE 8
    Descriptive info: APPENDICE.. LA LEGGENDARIA SERIE DI FIGURINE.. MARS ATTACKS.. !.. Pagina 9..

    Original link path: /marte/martians8.html
    Open archive

  • Title: MARTE 9
    Descriptive info: PROSEGUONO LE MITICHE FIGURINE DI.. Pagina 10..

    Original link path: /marte/martians9.html
    Open archive

  • Title: MARTE 10
    Descriptive info: VERSO LA CONCLUSIONE DELLE FIGURINE DI.. Pagina 11..

    Original link path: /marte/martians10.html
    Open archive


  • Archived pages: 116